Chi “governa” i galleristi d’Italia? Annamaria Gambuzzi succede dopo 12 anni a Massimo Di Carlo alla presidenza dell’ANGAMC: ecco tutti i consiglieri ed i delegati territoriali

“Governare” una categoria variegata, eclettica e imprevedibile come i galleristi d’arte è “inutile, più che difficile”, come recita il celebre aneddoto riferito agli italiani e risalente a Giolitti. E infatti non accade: esiste tuttavia dal 1964 l’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea (ANGAMC), che per certi versi svolge una funzione di associazione di categoria, […]

Annamaria Gambuzzi

“Governare” una categoria variegata, eclettica e imprevedibile come i galleristi d’arte è “inutile, più che difficile”, come recita il celebre aneddoto riferito agli italiani e risalente a Giolitti. E infatti non accade: esiste tuttavia dal 1964 l’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea (ANGAMC), che per certi versi svolge una funzione di associazione di categoria, che tutela gli interessi degli associati e spesso delega propri rappresentanti in enti e istituzioni pubbliche e private per commissioni ed eventi.
Negli ultimi 12 anni alla guida c’è stato Massimo Di Carlo, della Galleria dello Scudo di Verona: ora una svolta, visto che il rinnovo degli organi ha visto l’elezione a presidente di Annamaria Gambuzzi, della galleria Paolo Curti/Annamaria Gambuzzi &. Co. di Milano. A cinquant’anni dalla sua fondazione, l’associazione avrà per la prima volta una donna alla propria guida. I due Vice Presidenti saranno Mauro Stefanini (Galleria Open Art – Prato) e Giovanni Bonelli (Galleria Giovanni Bonelli – Milano), mentre a completare il Consiglio direttivo saranno i consiglieri Giampiero Biasutti (Giampiero Biasutti Studio d’Arte per il ‘900 – Torino), Ambra Gaudenzi (Galleria Il Vicolo – Genova), Giò Marconi (Galleria Giò Marconi- Milano) e Paola Verrengia (Galleria Paola Verrengia – Salerno). Questi i responsabili territoriali:
Delegato territoriale Lombardia
Giangaleazzo Visconti di Modrone (Studio Giangaleazzo Visconti – Milano)
Delegato territoriale Piemonte e Liguria
Giuseppe Filippo Biasutti (Galleria Biasutti & Biasutti – Torino)
Delegato territoriale Roma e Centro Sud
Fabrizio Russo (Galleria Russo – Roma)
Delegato territoriale Toscana
Andrea Alibrandi (Galleria Il Ponte – Firenze)
Delegato territoriale Emilia Romagna e Marche
Paola Forni (Galleria Forni – Bologna )
Delegato territoriale Triveneto
Giordano Raffaelli (Studio d’Arte Raffaelli – Trento)

www.angamc.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Fred

    Da tempo penso che sarebbe molto meglio se il Presidente lo facesse qualche gallerista che sia invitato ad ArtBasel. Non si possono difendere gli interessi della categoria e del sistema tutto se non si è al vertice del sistema mondiale. L’italia, nonostante queste scelte, continua ad essere il quarto mercato modiale dell’arte (dati di 5 anni fa -ma immagino per quanto retrocessa non sia l’ultimo), meriterebbe più attenzione nel Mondo. Come può fare un gallerista che non fa parte di nulla, che praticamente non fa una fiera se non in italia, rappresentare il sistema nel mondo? O sbaglio a vederla cosi?

  • josh

    Signora Gambuzzi non accetti queste provocazioni da ringhiera,vada avanti nel suo lavoro,time will tell !!

    • ders

      Parevano appunti concreti, non critiche verso un Presidente che – piacia o non piacia – le fiere non le fa. Libera scelta degli iscritti: vorrà dire che va bene cosi.

  • Mauro Defrancesco

    L’Associazione dei galleristi è un residuato inutile del secolo scorso.
    Detto questo un augurio di buon lavoro al nuovo presidente Annamaria Gambuzzi.

  • mario

    piu di galleristi parlerei di mercanti il che è diversooo,
    poche le gallerie rappresentative, nessun riscontro effettivo che l associazione servi a qualcosa