Bologna Updates: Tacita Dean e Rachel Whiteread in dialogo con Giorgio Morandi. Immagini e video in diretta dal Museo Morandi

In occasione del cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Giorgio Morandi, il MAMbo e il Museo Morandi si presentano nell’art week bolognese con due progetti affidati a nomi forti di livelli internazionale come quelli di Tacita Dean e Rachel Whiteread.Le opere delle due artiste dialogano con l’universo di Morandi, fornendo lo spunto per un rinnovamento del […]

In occasione del cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Giorgio Morandi, il MAMbo e il Museo Morandi si presentano nell’art week bolognese con due progetti affidati a nomi forti di livelli internazionale come quelli di Tacita Dean e Rachel Whiteread.Le opere delle due artiste dialogano con l’universo di Morandi, fornendo lo spunto per un rinnovamento del percorso della più ampia collezione pubblica di sue opere,
Rachel Whiteread presenta una selezione di opere che va dal 1991 al 2010 e due nuovi lavori di piccolo formato realizzati per l’occasione, “
creando un dialogo poetico con i dipinti esposti, provocando un vicendevole proiettarsi di prospettive, enfatizzando la sistematicità e la coerenza delle ricerche dei due artisti”.

Tacita Dean propone invece The Studio of Giorgio Morandi, progetto espositivo strutturato in due film girati nello studio che fu di Morandi: Still Life e Day for Night. Entrambi i lavori sono stati commissionati e prodotti dalla Fondazione Nicola Trussardi nel 2009 con riprese effettuate da Tacita Dean all’interno dell’appartamento di Bologna in cui Morandi visse e lavorò per gran parte della propria vita, oggi Casa Morandi, in particolare negli ambienti dello studio, ricostruito nella collocazione originale. Progetti visibili da oggi, 24 gennaio: noi ci siamo passati, ecco immagini e video…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • luca

    inginocchiatevi al cospetto del più grande

  • luca

    per non dire del fatto che proprio queste immagini sembrano decretare la superiorità della pittura – quando è grande pittura, certo