Bologna Updates: Nazzarena Poli Maramotti vince l’ottava edizione del Premio Gruppo Euromobil Under 30. Ancora aperta la votazione per il “Premio speciale del Pubblico”

L’elegante naturalezza con cui coniuga cultura e innovazione reinterpretando suggestioni del passato. La qualità della ricerca che attraversa diverse epoche della pittura, dal Settecento all’Espressionismo, da Soutine a Baselitz, confermando l’attualità e l’urgenza di questo linguaggio”. Con queste motivazioni la giuria ha conferito l’ottava edizione il Premio Gruppo Euromobil Under 30 all’artista Nazzarena Poli Maramotti […]

Nazzarena Poli Maramotti - Senza Titolo

L’elegante naturalezza con cui coniuga cultura e innovazione reinterpretando suggestioni del passato. La qualità della ricerca che attraversa diverse epoche della pittura, dal Settecento all’Espressionismo, da Soutine a Baselitz, confermando l’attualità e l’urgenza di questo linguaggio”. Con queste motivazioni la giuria ha conferito l’ottava edizione il Premio Gruppo Euromobil Under 30 all’artista Nazzarena Poli Maramotti (Montecchio Emilia, 1987), con l’opera Senza Titolo, 2013, presentata dalla Galleria A+B Contemporay Art di Brescia.
La giuria era composta da Gaspare, Antonio, Fiorenzo e Giancarlo Lucchetta, titolari del Gruppo Euromobil e collezionisti d’arte, dai direttori artistici di Artefiera Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni, dal critico Beatrice Buscaroli d’arte, dal designer Cleto Munari e da Aldo Colonetti, direttore scientifico.
I giurati hanno poi segnalato l’opera Isteria del consumo, di Estelle Cheever (Roma, 1989), presentata dalla Gallerie Rolando anselmi. Ma la novità di quest’anno è il “Premio speciale del Pubblico”, le cui votazioni si sono aperte il 24 gennaio e termineranno il 2 febbraio: risulterà vincitrice l’opera (e quindi l’artista) che avrà ottenuto il maggior numero di voti dai visitatori ad Arte Fiera assommati ai voti che chiunque potrà assegnare visionando le immagine delle opere in concorso pubblicate sul sito Euromobil.

www.gruppoeuromobil.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.