Art Digest: Shirin in cattedra a Davos. Madrid, Tapies in saldi causa default. Mandela e quel coniglio dentro l’orecchio

Arte protagonista al World Economic Forum. Fra gli invitati al cruciale incontro, che si tiene questa settimana, ci sono anche due big dell’artworld: l’artista iraniana Shirin Neshat e il direttore del Metropolitan Thomas P. Campbell… (nytimes.com) Dissesto finanziario, la città di Madrid vende all’asta opere d’arte del suo patrimonio. Risultato? Solo 25mila euro, e solo […]

Arte protagonista al World Economic Forum. Fra gli invitati al cruciale incontro, che si tiene questa settimana, ci sono anche due big dell’artworld: l’artista iraniana Shirin Neshat e il direttore del Metropolitan Thomas P. Campbell… (nytimes.com)

Dissesto finanziario, la città di Madrid vende all’asta opere d’arte del suo patrimonio. Risultato? Solo 25mila euro, e solo 4 opere vendute delle 25 offerte, fra cui pezzi di Antoni Tapies e Manuel Millares… (elpais.com)

Situazione surreale: Cornelius Gurlitt, il tedesco che aveva in casa l’ormai famoso tesoro dell’Arte Degenerata, prima rifiuta categoricamente di restituire le opere ai legittimi proprietari, poi fa qualche piccola concessione… (wsj.com)

Bizzarrie creative: a Pretoria impazzano le polemiche attorno a una grande statua di Nelson Mandela, degli scultori Andre Prinsloo e Ruhan Janse van Vuuren. Dentro un orecchio è stata scoperta l’immagine di un piccolo coniglio… (telegraph.co.uk)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.