A Roma torna Controtempo. Un festival per toccare con mano le nuove tendenze della musica strumentale. Gioello della ricerca sonora contemporanea, da cinque anni a Villa Medici

A qualcuno piace chiamarlo Contretemps, con la dizione con cui iniziò cinque anni fa. Nato da un’idea di Patrice Chéreau e Richard Peduzzi (quest’ultimo per cinque anni direttore della sede dell’Académie de France a Villa Medici), l’evento aveva l’ambizione di mettere a confronto il ‘nuovo del nuovo’ della musica contemporanea strumentale, nei saloni più belli della villa […]

Quatuor Diotima - Molina visuals

A qualcuno piace chiamarlo Contretemps, con la dizione con cui iniziò cinque anni fa. Nato da un’idea di Patrice Chéreau e Richard Peduzzi (quest’ultimo per cinque anni direttore della sede dell’Académie de France a Villa Medici), l’evento aveva l’ambizione di mettere a confronto il ‘nuovo del nuovo’ della musica contemporanea strumentale, nei saloni più belli della villa sul Pincio. La scommessa ebbe successo, nonostante il momento di passaggio che vedeva Peduzzi al termine del suo incarico istituzionale. Ora, Controtempo (nuova deminazione, nella lingua del Paese ospitante), giunge alla quinta edizione e si conferma come un esempio tra i più importanti di quella collaborazione interistituzionale essenziale per la sopravvivenza stessa della musica dal vivo, e in particolare della musica contemporanea.
Il festival si svolge dal primo al 15 febbraio, quasi in parallelo con la serie ‘contemporanea’ all’Accademia di Santa Cecilia – il concerto di Marcello Panni con musica propria e di Luciano Berio – ma in collaborazione con l’Accademia Filarmonica Romana e l’Auditorium Parco della Musica. Come partner figura il Gmem (Groupe de Musique Expérimental de Marseille), che anche quest’anno segue la parte elettronica dei concerti, mentre il nome si associa alla Wigmore Hall, all’Auditorium du Louvre, alla Philarmonie du Luxembourg e al Festival di Aix-en-Provence per i lavori commissionati a Bruno Mantovani e a Laurent Durupt. In due settimane, quindi, si ha modo di esplorare le ultime tendenze della musica contemporanea, senza precludersi incursioni in un passato che viene riattualizzato. Naturalmente, dato che il tutto si svolge nel grand salon, si tratta soprattutto di musica da camera. Quest’anno il tema è  Nel quartetto d’archi: i quattro strumenti – violino I e II, viola e violoncello – simili e complementari, si combinano in modo da diventare un unico “strumento” a 16 corde. Tutte le sfaccettature della musica contemporanea possono essere messe in gioco in un quartetto d’archi: le relazioni con il repertorio, la frammentazione, le possibilità di ripensare la forma.

– Giuseppe Pennisi

www.villamedici.it

CONDIVIDI
Giuseppe Pennisi
Ho cumulato 18 anni di età pensionabile con la Banca Mondiale e 45 con la pubblica amministrazione italiana (dove è stato direttore generale in due ministeri). Quindi, lo hanno sbattuto a riposo forzato. Ha insegnato dieci anni alla Johns Hopkins University e quindici alla Scuola superiore della pubblica amministrazione; per periodi più brevi a Salerno e a Palermo. Ha scritto una dozzina di testi di economia, pubblicati in Italia, Gran Bretagna, Svizzera e Germania, ed è editorialista economico di un paio di quotidiani. Da quando aveva l'età di 12 anni la sua passione è l'opera lirica (specialmente del Novecento e meglio ancora se contemporanea coniugata con electroacustic e live electronics). Ha contagiato la moglie e in parte i figli. Vaga, quindi, da teatro a teatro. Con un calepino a righe e una matita rossa. Il riposo forzato è in una barcaccia.