Tutti i programmi di Corte, il nuovo spazio romano di co-working creativo. Workshop d’arte e architettura, corsi, mostre, conferenze, musica

A poco più di due mesi dalla sua inaugurazione, Corte – co-working creativo romano – si mette ufficilamente in mostra lanciando a gran voce il suo Proclama per l’anno 2014, con un vernissage in cui presenta il calendario degli eventi. Non solo spazio fisico di lavoro quindi, in Piazza Dante, due passi da Piazza Vittorio: […]

A poco più di due mesi dalla sua inaugurazione, Corte – co-working creativo romano – si mette ufficilamente in mostra lanciando a gran voce il suo Proclama per l’anno 2014, con un vernissage in cui presenta il calendario degli eventi. Non solo spazio fisico di lavoro quindi, in Piazza Dante, due passi da Piazza Vittorio: ma laboratorio di idee in divenire. Ad aprire ed accompagnare la serata la live performance di Andrea Farina (Miotu Studio, Barcellona) in collaborazione con Underwelt, vertical painting dell’opera “Percorsi” realizzata con l’ausilio di un plotter verticale. A seguire la presentazione del programma, che prevede eventi e workshop d’arte e d’architettura, corsi di formazione, mostre collettive e personali, conferenze, musica, fotografia e moltissime collaborazioni. A partire da quella prestigiosa con Open City Roma, laboratorio nato nel 2010 e promotore dell’importante rassegna di Open House, giunta alla sua terza edizione e di cui Corte sarà nel 2014 non solo una delle strutture visitabili, ma partner per l’organizzazione e per la campagna di crowdfunding in programma per febbraio/marzo, a sostegno della realizzazione stessa di OHR2014.
Per attivare ulteriormente le sinergie creative ed alimentare il clima multidisciplinare che si respira a Corte, sono previste anche le mostre personali di Mirco Marchelli, Franco Guerzoni e Maurizio Savini, artisti della scuderia di MarcoRossi ArteContemporanea, i workshop di fotografia a cura di Marco di Bartolomeo (che oltre a proporre corsi tematici specifici, terrà lezioni gratuite e aperte al pubblico sulla storia di fotografi illustri, con proiezioni dei lavori più significativi ) e i corsi di formazione incentrati sulla contaminazione tra innovazione, architettura e altri ambiti creativi curati da Luca Milan, architetto titolare dello Studio NEXT. Temi? Experience Design – L’interazione negli spazi pubblici, Open Up – Dagli open data agli open services, per città davvero smart, Le app dell’architettura – Il mondo mobile per i professionisti dell’ordine.

Inoltre, per garantire un contatto sempre più stretto con il quartiere in cui opera e per migliorare la creatività delle nuove generazioni, Corte da il benvenuto ai bambini, organizzando con Nora Stoppa e Federica Fiorenza laboratori didattici munariani sui temi “Giocare con l’arte” e “Comunicazione visiva”. Dato che senza un degno sottofondo musicale la vita sarebbe troppo silenziosa, l’Associazione Tourbilion sarà presente con la serie di appuntamenti divulgativi, “Incontri d’autore: la musica si racconta”: incontri con musicisti, presentazioni discografiche, una vetrina sulla musica dei popoli e su quella d’autore. Last but not least, il progetto Nuovi Mondi, contest che consente di mettere in contatto utenti, creativi, copywriter, architetti, illustratori con esperienze e background diversi tra loro. Una gara in cui a competere sono le idee, sviluppate intorno al tema: immaginari prima impossibili che incarnano la visione collaborativa e contaminata di Corte. Un panel di artisti e professionisti di vari settori valuterà le proposte e quelle selezionate saranno poi esposte in una serie di mostre ed eventi organizzati dentro e fuori Corte.

– Giulia Mura

www.benvenutiacorte.it

CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.