Miami Updates: di fiera in fiera, uno sguardo su Scope. Nella nuova location sulla spiaggia, cento gallerie, con tre italiane in trasferta: ecco le immagini

E siamo arrivati a Scope Art Fair, che per questa nuova edizione sceglie di “sposare” il modello Untitled e lascia Wynwood per la spiaggia, su Ocean Drive. Una passeggiata tra i corridoi con un centinaio di espositori provenienti da tutto il mondo, per un’organizzazione che vanta oltre 65 fiere in circa 10 anni di attività. […]

E siamo arrivati a Scope Art Fair, che per questa nuova edizione sceglie di “sposare” il modello Untitled e lascia Wynwood per la spiaggia, su Ocean Drive. Una passeggiata tra i corridoi con un centinaio di espositori provenienti da tutto il mondo, per un’organizzazione che vanta oltre 65 fiere in circa 10 anni di attività. E che quest’anno ospita, inoltre, un progetto di beneficenza sostenuto dalla Cifo – Ella Cisneros Fontanals Foundation, a favore degli artisti latino americani nominati per il Cifo’s grant. Tre le gallerie italiane, Massimo Carasi The Flat – con artisti come Michael Bevilacqua, Michael Johansonn e Guido Bagini -, la galleria Ghetta  di Ortisei con Aron Demetz e Gagliardi Art System da Torino, con uno stand molto europeo. Anche qui, parola alla fotogallery…

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.