Lo Strillone: metà dei lavori de El Greco sarebbero opera dei suoi allievi secondo lo studio riportato da Avvenire. E poi il grande ritorno dei Bronzi di Riace, ecco come si ammalavano e morivano gli antichi Romani, la prima di Hou Hanru al MAXXI…

I capolavori di El Greco? Mica era tutta farina del suo sacco! Su Avvenire la tesi di Carmen Garrido, capo del dipartimento di documentazione tecnica del Prado di Madrid, che assicura: buona parte del catalogo del maestro sarebbe ascrivibile alla mano dei suoi allievi. Grandi manovre nei musei italiani: Quotidiano Nazionale a Venezia per i […]

Quotidiani
Quotidiani

I capolavori di El Greco? Mica era tutta farina del suo sacco! Su Avvenire la tesi di Carmen Garrido, capo del dipartimento di documentazione tecnica del Prado di Madrid, che assicura: buona parte del catalogo del maestro sarebbe ascrivibile alla mano dei suoi allievi.

Grandi manovre nei musei italiani: Quotidiano Nazionale a Venezia per i restauri alle Gallerie dell’Accademia; Il Giornale e La Repubblica anticipano l’imminente ritorno dei Bronzi di Riace, che da sabato tornano finalmente ad essere esposti a Reggio Calabria.

Roma tiene banco in fatto di mostre: Corriere della Sera si divide tra gli Anni Settanta di De Dominicis al Palazzo delle Esposizioni e l’esordio di Hou Hanru al MAXXI; una breve su La Stampa per l’esposizione di scheletri al Museo della Via Ostiense: tra protesi, malattie invalidanti e terribili malformazioni ecco come erano fatti gli antichi Romani.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.