Lo Strillone: è finito il gran digiuno, per L’Unità con il 2013 si è tornati a “mangiare con la cultura”. E poi 55mila presenze per “Una Notte al Museo”, niente Gioconda a Firenze, le foto di Baryshnikov in mostra a Cortina…

Per cosa ricorderemo il 2013? Per L’Unità c’è da festeggiare il fatto che si torni a “mangiare con la cultura”: la riapertura del Museo Archeologico di Reggio Calabria e i restauri alle Gallerie dell’Accademia di Venezia sono, secondo Luca Del Fra, segnali più che positivi. Corriere della Sera punta invece l’accento sugli anniversari: si chiude […]

Quotidiani
Quotidiani

Per cosa ricorderemo il 2013? Per L’Unità c’è da festeggiare il fatto che si torni a “mangiare con la cultura”: la riapertura del Museo Archeologico di Reggio Calabria e i restauri alle Gallerie dell’Accademia di Venezia sono, secondo Luca Del Fra, segnali più che positivi. Corriere della Sera punta invece l’accento sugli anniversari: si chiude l’anno che ci ha fatto rileggere Machiavelli e il Gruppo ’63, cosa ci aspetta per il 2014?

In 55mila per Una Notte al Museo: numeri da record su Quotidiano Nazionale per l’evento che sabato scorso ha visto una quarantina di luoghi della cultura aprire gratuitamente le proprie porte in notturna. Code per i Bronzi di Riace.

Il gran rifiuto del Louvre su Avvenire e Il Giornale: Firenze si può tranquillamente scordare il prestito della Gioconda. È dedicata a Pina Bausch la mostra di Mikhail Baryshnikov, coreografo e fotografo che espone i suoi scatti a Cortina e su Libero; missione londinese per il manifesto, al British per l’arte Shunga.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.