La musica che non si ferma. Salisburgo apre l’anno con il consueto festival mozartiano: e con l’ultimo step del premio per giovani direttori d’orchestra

Il Festival di Salisburgo dura tutto l’anno: mentre già in gennaio inizierà il consueto festival mozartiano, proprio nei giorni scorsi si è svolta la selezione dei finalisti del prestigioso Nestlé and Salzburg Festival Young Conductors Award, premio per giovani direttori d’orchestra. Alla quinta edizione del concorso, sono ottantadue i giovani direttori che hanno presentato domanda. […]

I tre finalisti del concorso per giovani direttori d'orchestra

Il Festival di Salisburgo dura tutto l’anno: mentre già in gennaio inizierà il consueto festival mozartiano, proprio nei giorni scorsi si è svolta la selezione dei finalisti del prestigioso Nestlé and Salzburg Festival Young Conductors Award, premio per giovani direttori d’orchestra. Alla quinta edizione del concorso, sono ottantadue i giovani direttori che hanno presentato domanda. I tre finalisti scelti dalla giuria internazionale sono i francesi Victor Aviat (31 anni) e Maxime Pascal (28 anni), e l’inglese Leo McFall (32 anni): dal 28 febbraio al 2 marzo si cimenteranno per la selezione finale, dirigendo lavori di Schoenberg, Varèse, Dalbavie e Ligeti, con l’Oesterreichisches Ensemble für Neue Musik (alla Haus für Mozart).

– Giuseppe Pennisi

CONDIVIDI
Giuseppe Pennisi
Ho cumulato 18 anni di età pensionabile con la Banca Mondiale e 45 con la pubblica amministrazione italiana (dove è stato direttore generale in due ministeri). Quindi, lo hanno sbattuto a riposo forzato. Ha insegnato dieci anni alla Johns Hopkins University e quindici alla Scuola superiore della pubblica amministrazione; per periodi più brevi a Salerno e a Palermo. Ha scritto una dozzina di testi di economia, pubblicati in Italia, Gran Bretagna, Svizzera e Germania, ed è editorialista economico di un paio di quotidiani. Da quando aveva l'età di 12 anni la sua passione è l'opera lirica (specialmente del Novecento e meglio ancora se contemporanea coniugata con electroacustic e live electronics). Ha contagiato la moglie e in parte i figli. Vaga, quindi, da teatro a teatro. Con un calepino a righe e una matita rossa. Il riposo forzato è in una barcaccia.