Italiani all’estero. Matteo Fato a Monaco, protagonista di un’ampia personale alla galleria De Martino. Tra pittura e installazione. Ve la raccontiamo, con un album di immagini

“Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Rivisitando la celebre frase biblica, che Gesù rivolgeva al Demonio lottando contro le umane tentazioni, Matteo Fato sceglie un titolo evocativo per la sua personale alla galleria De Martino di Monaco, a cura di Nicola Setari. “Non di sola […]

“Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Rivisitando la celebre frase biblica, che Gesù rivolgeva al Demonio lottando contro le umane tentazioni, Matteo Fato sceglie un titolo evocativo per la sua personale alla galleria De Martino di Monaco, a cura di Nicola Setari. “Non di sola pittura”: una mostra che intorno alla pittura ruota, sfuggendo i clichè e l’obbligata bidimensionalità, per concentrarsi su un’essenzialità del segno che arriva da una profonda conoscenza e da una pratica costante dell’arte della linea: il disegno, il gesto calligrafico, la scrittura, l’immagine come struttura e come nucleo originario, oltre la dimensione epidermica, decorativa, seduttiva, carnale o illustrativa. Non di sola pittura, per Fato, è in fondo una provocazione: l’esigenza di recuperare una dimensione esistenziale, persino spirituale della pittura stessa, che escluda virtuosismi, manierismi, formalismi.
Tra vuoti, pause, principi d’astrazione, la ricerca di Fato procede per sottrazioni, grazie a una figurazione animata da scene sospese, ridotte all’osso, nella forma e nel colore. Sono angoli di paesaggio, ritratti, monocromi, frammenti di natura, sequenze da sfogliare come appunti di uno storyboard, mentre le immagini si mixano agli oggetti: moduli, superfici, supporti, minimi reperti, cornici, tutte strutture lignee che accolgono e insieme interrompono la rappresentazione, riportandola fino al cuore della storia.
In mostra fino al 25 gennaio 2014. E intanto, una carrellata di immagini per scoprire opere, ambienti, allestimento e anche qualche scatto dalla sera dell’opening.

– Helga Marsala

De Martino Gallery
Theresienstrasse 56b, Monaco
[email protected]
www.demartino.de           

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Nwuanda

    interessante il lavoro di matteo. visti alcuni pezzi l’anno scorso a strasburgo (in pratica è quella mostra + questa) ma il discorso sembra continuare
    mi piacciono i dipinti non finiti-infiniti, però le scatolette in legno non le capisco…un aiutino?