Giovani artisti e maestri di ieri. L’arte dell’interpretazione (o della ripetizione). Quattro mostre virtuali, per scoprire a chi si ispirano sedici artisti emergenti

Artisti che si ispirano ad altri artisti, opere che ricordano altre opere, nel gioco continuo dei riflessi e dei rimandi, delle citazioni e delle contaminazioni, degli eco e persino dei plagi. Perché se non esiste arte senza produzione di forme e di pensiero, non esistono né forme né pensiero senza storia: l’infinita successione di epoche, […]

Salvatore Arancio, An Active Volcanic Summit in The Valley of Stones, 2011 (photo-etching on paper) 55 x 42 cm - courtesy Federica Schiavo Gallery, Roma

Artisti che si ispirano ad altri artisti, opere che ricordano altre opere, nel gioco continuo dei riflessi e dei rimandi, delle citazioni e delle contaminazioni, degli eco e persino dei plagi. Perché se non esiste arte senza produzione di forme e di pensiero, non esistono né forme né pensiero senza storia: l’infinita successione di epoche, stili, intuizioni, tendenze, movimenti, spinge in avanti – tra eredità e rotture – il gioco dell’arte, con le sue pieghe nascoste, i sottotesti, le stratificazioni.
E se qualcuno bara, appropriandosi di intuizioni altrui, mentre qualcun altro inciampa per caso nella ripetizione (più o meno differente), c’è chi invece rende omaggio ai maestri a viso aperto, perseguendo oneste operazioni di saccheggio o di discreta ispirazione. Nel vuoto su cui si stende, come pratica necessaria, ogni operazione di riscrittura, il tempo si fa cosìfluido e circolare, leggibile ma non risolvibile nei molti passaggi, nei ritorni e nelle possibili sottrazioni.
Da queste riflessioni prende spunto Interpretation, un progetto ongoing pensato per coinvolgere gli artisti in un percorso attraverso il proprio processo creativo, tra passato, presente e futuro. Quattro edizioni in tutto, ospitate sul sito di Expanded View, ognuna dedicata a quattro artisti. La prima, in programma per il 16 dicembre 2013, svelerà maglie nascoste, retaggi e connessioni che animano il lavoro di Salvatore Arancio, James Clarkson, Jan Kiefer e Sean Townley. Piccole mostre virtuali, accostando immagini nuove, che portano con sé il riflesso di altre preesistenti. Collocando nello spazio immateriale del web – spazio di infinita condivisione e di eternizzazione – “quel lascito che si riscrive perpetuamente nel suo riapparire nel tempo”.

– Helga Marsala

www.expandedview.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.