Finito il Festival di Fotografia di Roma. Ma per fare l’edizione dell’anno prossimo i soldi vanno trovati. Si parte con un’asta di fotografi internazionali. Battitore Sergio Rubini

Si è chiusa oggi, domenica 8 dicembre, la XII edizione di Fotografia – Festival Internazionale di Roma, ospitato dal Macro e curato da Marco Delogu. Un’edizione che ha provato, per la prima volta, a metter su un po’ di risorse anche grazie al crowdfunding, come è ormai consuetudine di moltissime kermesse e di diverse istituzioni, piccole e grandi. […]

Jochem Schonevald, PonteRotto, 100x80 cm

Si è chiusa oggi, domenica 8 dicembre, la XII edizione di Fotografia – Festival Internazionale di Roma, ospitato dal Macro e curato da Marco Delogu. Un’edizione che ha provato, per la prima volta, a metter su un po’ di risorse anche grazie al crowdfunding, come è ormai consuetudine di moltissime kermesse e di diverse istituzioni, piccole e grandi. Circa 5mila euro sono stati raccolti grazie alla partecipazione dei donatori: una cifra esigua, ma che ha  integrato il budget a disposizione del Festival, aiutandolo a portare a termine la sua mission di promozione della fotografia contemporanea e dei talenti emergenti internazionali.
Ma già all’indomani di questo finissage dicembrino, la macchina organizzativa dell’edizione numero tredici si mette in moto. Partendo proprio dalla raccolta fondi, primo e decisivo step da cui dipendono nomi, struttura e portata dell’evento. Ed ecco, in tempi di progressiva diminuzione dei contribuiti pubblici e privati, un’iniziativa certo non nuova all’ambiente dell’arte, ma inedita per il Festiva romano. Lunedì 9 dicembre, dalla 18,30 alle 21, il pubblico del Macro potrà partecipare a un’asta di fundraising, tentando di portarsi a casa le opere donate da ventisette tra i più affermati fotografi italiani ed internazionali, che negli anni hanno collaborato col Festival. Il ricavato, dunque, servirà a sostenere l’edizione de 2014.

Fleur van Dodevaard
Fleur van Dodevaard

Per godersi in tutta calma le opere e scegliere su quale cavallo puntare, non c’è che da recarsi al museo prima dell’asta, a partire dalle 15, e farsi un giretto tra le foto allestite. Due battitori d’eccezione, per questo particolare rendez-vous:  l’allenatore di pallavolo Gian Paolo Montali e l’attore e regista Sergio Rubini.
Gli artisti? Fabio Barile, Enrico Boccioletti, Piergiorgio Branzi, Luca Campigotto, Giovanni Cocco, Kathryn Cook, Alessandro Dandini de Sylva, Tim Davis, Marco Delogu, Giosetta Fioroni, Francesco Fossa, Leonie Purchas Hampton, Christian Lutz, Miltos Manetas, Jeannette Montgomery Barron, Sol Neelman, Francesco Neri, Luca Nostri, PaoloPellegrin, Jon Rafman, Giada Ripa di Meana, Leo Rubinfien, Jochem Schoneveld, Luca Spano, Horst Stein, Fleur Van Dodewaard, Paolo Ventura. Opere da scegliere e da conquistare, in uno scontro a suon di martelletto tra collezionisti romani. Un regalo natalizio coi fiocchi, per se o per qualcuno di importante, sapendo anche di dare un minimo supporto, con un bell’assegno, all’incerto status della cultura in Italia.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.