Facebook e l’arte, la catena del momento. Parte tra gli utenti uno scambio virale di opere e artisti. Pioggia di immagini, per il gioco dei social art-addict

È la classica catena di Sant’Antonio, ma in versione social ed in chiave culturale. Non il solito passatempo sciocco, insomma. Stavolta di mezzo c’è l’arte. E nonostante questo profilo specifico, che qualcuno potrebbe pensare più da appassionati o addetti ai lavori, tra gli utenti facebook è diventato il tormentone del momento. Parliamo del gioco nato […]

Facebook, il gioco dell'arte

È la classica catena di Sant’Antonio, ma in versione social ed in chiave culturale. Non il solito passatempo sciocco, insomma. Stavolta di mezzo c’è l’arte. E nonostante questo profilo specifico, che qualcuno potrebbe pensare più da appassionati o addetti ai lavori, tra gli utenti facebook è diventato il tormentone del momento. Parliamo del gioco nato “per mantenere viva l’arte”, come recita il piccolo testo condiviso su centinaia di bacheche. Un gioco costruito per far girare il maggior numero possibile di immagini, con la tecnica del passaparola: io ti assegno un autore, tu scegli e pubblichi una sua opera, con didascalia e breve commento, e a chi risponde con un I Like restituisci il favore. E daccapo: assegnare, scegliere, pubblicare e così via, all’infinito. Il risultato? I diari di tantissimi curiosi, professionisti e amanti del bello, cominciano a saturarsi di dipinti, sculture, installazioni, architetture, in un mix accelerato di autori, epoche, stili, dal Parmigianino ai fratelli Chapman, passando per Tatlin o per i più popolari Andy Warhol e Basquiat.
Contagioso, virale, divertente, per una volta un modo per parlarsi in leggerezza scambiandosi qualcosa di prezioso. Con l’opportunità di inciampare in nomi assolutamente nuovi, da cercarsi su google e da iniziare a scoprire. Il gioco dell’arte è in circolazione da un po’ di giorni e la mania non accenna a scemare. E chissà che non contagi presto anche altri social netowrk…

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Vania

    Dunque l’arte può essere materia di discussione e interesse solo per gli addetti ai lavori?
    E chi sarebbero gli addetti ai lavori Helga?
    A chi può essere assegnato un profilo tanto colto da potersi permettere di parlare di arte?
    Esclusivamente a critici d’arte e curatori?

    • Andrea

      Scusa Vania, forse non hai letto attentamente ciò che ha scritto Helga Marsala.

  • marco

    e chissà che non contagi anche i POLITICI tanto da fargli tenere l’arte viva, dal vero però.

  • Matteo

    Ma siete sicuri ce l’arte abbia bisogno di essere mantenuta in vita?
    Mi sembra che in questo momento storico abbia più bisogno di essere lasciata in pace. Vi assicuro che non sta per morire, e sicuramente non ha bisogno di tanti impiccioni faccendieri e commedianti attorno che le impediscano il movimento e la vita tranquilla che spesso ha saputo ritagliarsi in passato.
    Lasciatela in pace, ha bisogno di tranquillità e silenzio.
    Matteo

  • E’ DA DIVERSO TEMPO CHE SU FACEBOOK SCRIVO D’ARTE. ANZI SULLO STATO DELL’ARTE E DI QUELLO CHE GIRA ATTORNO. IO STESSA CHE OPERO NEL CAMPO DELL’ARTE DA SEMPRE, MI CHIEDO E VI CHIEDO? MA L’ARTE E’ UNA LITURGIA FERMA? STIAMO ASSISTENDO AL REQUIEM DELLA’RTE? OGGI CHE SIGNIFICATO HA QUESTA PAROLA? E’ ANCORA NECESSARIA L’ARTE? AI POSTERI………..APOLLONIA DA ALLERT’ART.

  • Sono una pittrice e sono entusiasta di questo nuovo “gioco”.
    Finalmente chiunque potrà leggere e informarsi sull’arte e sugli artisti, famosi o meno.
    In Italia c’è grande ignoranza forse anche perche’ la materia “storia dell’ arte” nelle scuole e’ spesso bistrattata o resa molto……..soporifera da insegnanti noiosi!
    Grazie per questa bella iniziativa!
    Attendo con curiosita’ l’autore che vorrai assegnarmi.
    A presto