Art Digest: Picasso finalista ai Grammy Awards. Sei boss del contemporaneo per l’Hugo Boss Prize. Cina amara per TEFAF Maastricht

Picasso ottiene la nomination ai Grammy Awards. Nei panni di Jay Z, che proprio con la performance dedicata al grande catalano – titolo Picasso Baby – ha ottenuto una delle sue nove nomination… (wsj.com) Paul Chan, Sheela Gowda, Camille Henrot, Hassan Khan, Steve McQueen, Charline von Heyl. Questi i finalisti dell’Hugo Boss Prize: si contenderanno […]

Picasso Baby, by Jay Z

Picasso ottiene la nomination ai Grammy Awards. Nei panni di Jay Z, che proprio con la performance dedicata al grande catalano – titolo Picasso Baby – ha ottenuto una delle sue nove nomination… (wsj.com)

Paul Chan, Sheela Gowda, Camille Henrot, Hassan Khan, Steve McQueen, Charline von Heyl. Questi i finalisti dell’Hugo Boss Prize: si contenderanno 100mila dollari e una mostra personale al Guggenheim di New York… (nytimes.com)

Si impennano quest’anno le prenotazioni per una visita al sito in occasione del solstizio d’inverno. E giusto tre giorni prima a Stonehenge si conclude la ristrutturazione costata 27 milioni di sterline… (theguardian.com)

“Anche se cresce vertiginosamente l’interesse per l’arte occidentale, il mercato cinese è ancora in evoluzione per la nostra area di interesse”. E così TEFAF Maastricht rinvia il debutto dell’edizione di Pechino… (nytimes.com)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.