Al di fuori della nicchia. Come in una Cattedrale: progetto eccentrico dell’Istituto Svizzero di Roma, ecco le foto dall’opening

“Un confronto sul valore della pittura oggi, sul potere dell’immagine e dell’immaginazione, sulla capacità dell’arte di trasformare la realtà riassumendo un senso e un ruolo preminente nella società contemporanea”. Come nel cantiere di un’antica cattedrale, “ciascuno spinge il segno e l’immagine verso l’edificazione di un progetto comune”: ed è proprio Cattedrale il titolo del progetto […]

Un confronto sul valore della pittura oggi, sul potere dell’immagine e dell’immaginazione, sulla capacità dell’arte di trasformare la realtà riassumendo un senso e un ruolo preminente nella società contemporanea”. Come nel cantiere di un’antica cattedrale, “ciascuno spinge il segno e l’immagine verso l’edificazione di un progetto comune”: ed è proprio Cattedrale il titolo del progetto dell’Istituto Svizzero di Roma, nato durante tre incontri di lavoro e di discussione tenutisi tra il giugno e il novembre 2013, all’ambito del Congresso dei Disegnatori. Protagonisti? Da Enzo Cucchi a Daniel Knorr, Victor Man, Dan Perjovschi, Valentina Vetturi, Jakub Julian Ziolkowski. Per una riflessione su “un’arte capace di essere volgare, cioè di parlare una lingua storica e collettiva, al di fuori della nicchia protetta e protettiva del cosiddetto mondo dell’arte, delle sue fiere e delle sue mostre”. Un lavoro collettivo “in cui l’autorialità e le gerarchie si riconfigurano”: da vedere fino al 7 febbraio 2014, con l’anticipazione della nostra fotogallery dall’opening del 30 novembre…

www.istitutosvizzero.it

  • Bravi, grazie per l’ottimo reportage fotografico, d.o)

  • Pingback: Pic of the day #30.11.13 | White Mask | Welcome in White Mask()

  • Piu’ che mai oggi la pittura sembra perdersi e molte fondazioni ormai non appoggiano piu’ tale disciplina sostenendo installazioni e fotografie. Non è che sia un’errore, se l’oggetto artistico comunica non ha importanza questo. Ma in Italia camminiamo sempre un passo indietro perchè in Europa la pittura è ritornata e ci sono molti artisti famosi e talentuosi contemporanei. Io sono un giovane pittore che cerca di guadagnarsi il suo spazio per diritto.