Visita al cantiere del MAGA: il museo di Gallarate torna operativo nove mesi dopo l’incendio. Nella fotogallery la mostra allestita negli spazi pronti all’apertura al pubblico, ma anche un giro nell’ala ancora da recuperare

Casco da cantiere e torcia elettrica, avanti a piccoli gruppi. A incombere nella penombra, presenza inquieta e palpabile, le travi annerite, la rete che protegge da eventuali cedimenti; l’intonaco gonfio d’acqua, l’odore aspro di un’umidità con percentuali da foresta equatoriale. Non è un’esperienza come le altre quella che attende i visitatori del rinato museo MAGA […]

La hall del MAGA

Casco da cantiere e torcia elettrica, avanti a piccoli gruppi. A incombere nella penombra, presenza inquieta e palpabile, le travi annerite, la rete che protegge da eventuali cedimenti; l’intonaco gonfio d’acqua, l’odore aspro di un’umidità con percentuali da foresta equatoriale. Non è un’esperienza come le altre quella che attende i visitatori del rinato museo MAGA di Gallarate, riaperto al pubblico nella giornata di sabato 23 novembre. Con una struttura che mostra il proprio lato migliore, ovvero la mostra nata grazie alla solidarietà dei tanti artisti che hanno offerto un’opera perché venisse venduta a sostegno dei restauri; ma non nasconde per questo le proprie cicatrici. Anzi. Le svela quasi con orgoglio, così che il contrasto tra l’ala agibile e l’altra devastata sia cartolina più efficace per dimostrare quanto è stato fatto. E quanto ancora resti da fare per arrivare alla piena e definitiva normalità. “Nessuno ti insegna come fronteggiare situazioni del genere” commenta la direttrice del museo Emma Zanella, che scherza sulle sue inedite competenze ingegneristiche maturate sul campo. E illustra gli interventi ancora da fare: con il tetto della parte accidentata da rattoppare, le pareti pregne dell’acqua degli idranti (e di quella piovuta in questi nove mesi) da asciugare; la scelta se sostituire o meno le travi annerite ma ancora saldamente al proprio posto. Se cancellare con un colpo di spugna il passato o lasciarlo a monumento del pericolo corso.

– Francesco Sala


 

 

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.