Verso Artissima: a Torino si brinda con il welcome drink griffato Artribune e Museo Salvatore Ferragamo. Rendez-vous il 7 novembre allo Stand Z

Ci siamo: si entra nella settimana di Artissima: e in occasione della fiera torinese Artribune e Museo Salvatore Ferragamo invitano tutti ad un welcome drink che si terrà il 7 novembre dalle 19 alle 21 allo Stand Z. Un appuntamento per incontrarci, per condividere con voi progetti ed esperienze per il prossimo anno o anche […]

Ci siamo: si entra nella settimana di Artissima: e in occasione della fiera torinese Artribune e Museo Salvatore Ferragamo invitano tutti ad un welcome drink che si terrà il 7 novembre dalle 19 alle 21 allo Stand Z. Un appuntamento per incontrarci, per condividere con voi progetti ed esperienze per il prossimo anno o anche solo per brindare ai successi raggiunti. Con noi, il Museo Salvatore Ferragamo di Firenze, best practice nella promozione dell’arte e della cultura contemporanea, eccellenza del Made in Italy che documenta con la sua collezione di calzature l’intero arco di attività di Salvatore Ferragamo, dagli anni ‘20 fino al 1960, anno della morte. Alcuni modelli dimostrano il rapporto di Salvatore Ferragamo con gli artisti dell’epoca, come il pittore futurista Lucio Venna, altri provano la continua ricerca della perfetta calzata e l’invenzione di particolari costruzioni e di materiali, dalla celebre “zeppa” di sughero, brevettata nel 1936 e subito copiata in tutto il mondo alle tomaie in rafia o cellofan, la carta per le caramelle, adottate durante il periodo della Seconda Guerra mondiale.
Vi sono, inoltre, calzature famose per essere state create per le star di Hollywood, come Marilyn Monroe, Greta Garbo, Audrey Hepburn. Non mancano le mostre come Il calzolaio prodigioso. Fiabe e leggende di scarpe e calzolai, aperta fino alla primavera del 2014, né il nuovo progetto di mostra – già in corso – né le attività della Fondazione Ferragamo, sorta da poco e dedicata ad attività specifiche come programmi di didattica e opportunità per i giovani artistiParleremo di tutto questo, e altro, il 7 novembre, presso lo stand Z ad Artissima con un calice di vino. Per l’occasione un gift Artribune Magazine n.16 fresco di stampa. Allestimento “Torino oriented” realizzato dai designers di Frees-co. Vi aspettiamo!

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.