Torino Updates: quanto fa guadagnare Artissima alla città? Un po’ di dati del 2012 rispetto a ingressi, hotel, shopping e ristoranti. Aspettando le rilevazioni dei prossimi giorni…

Al via il weekend caldo di Torino, uno degli appuntamenti canonici capaci di muovere in blocco l’art system italiano, convogliando centinaia di professionisti del settore e appasisonati. Ma quanto indotto reale porta una manifestazione come Artissima? Quanta gente, quanto pubblico, quanti euro spesi? Repubblica ci fornisce oggi qualche dato, rispetto all’anno scorso. Nel 2012 il finesettimana […]

Artissima 18

Al via il weekend caldo di Torino, uno degli appuntamenti canonici capaci di muovere in blocco l’art system italiano, convogliando centinaia di professionisti del settore e appasisonati. Ma quanto indotto reale porta una manifestazione come Artissima? Quanta gente, quanto pubblico, quanti euro spesi?
Repubblica ci fornisce oggi qualche dato, rispetto all’anno scorso. Nel 2012 il finesettimana del contemporaneo, che univa arti visive e design, ha registrato “oltre 70 mila visitatori (per oltre 200 mila presenze) con una spesa media giornaliera di 65 euro a persona”. Niente male, per un ambito che resta comunque di nicchia. La ricaduta economica complessiva per il territorio è stata di 3,6 milioni di euro, una cifra interessante ma che rivela, tuttavia, un calo del 4% rispetto al 2011. La crisi c’è e si sente.
A beneficiare del flusso dei turisti della creatività sono, in prima battuta, i ristoranti, con 1,3 milioni di euro, subito seguiti dalla ricettività (960 mila euro). Dati ufficiali, trasmessi dalla Camera di Commercio di Torino. Quest’anno l’abbinamento arte-design è saltato, e la stima relativa al pubblico dell’art fair torinese è di un 30% di ospiti giunti da fuori città, con un target medio di under 35. Indotto previsto relativo allo shopping intorno ai 973mila euro, con una crescita per la quota di acquirenti interessati a prodotti d’arte e design, ma di fascia economica. Insomma, comprano in tanti ma si mantengno per lo più sotto i cento euro di spesa. E i galleristi? Contenti, stando alle rilevazioni del quotidiano diretto da Ezio Mauro. Noi ci saremo, pronti a una verifica sul campo. Tra poche ore cancelli aperti e nuovi conteggi da sciorinare. Sperando in un trend al rialzo.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.