Torino Updates: Petrit Halilaj vince ad Artissima il Premio della Fondazione Ettore Fico. Che da quest’anno guarda al museo in apertura nel 2014

Molti ricordano la sua installazione “arborea” nel Padiglione del Montenegro alla Biennale di Venezia ancora visitabile per qualche settimana. Parliamo di Petrit Halilaj (Kostërrc, Skenderaj-Kosovo, 1986),annunciato oggi ad Artissima come vincitore del Premio Fondazione Ettore Fico, istituito nel 2009 per valorizzare e promuovere il lavoro dei giovani artisti. Scelto tra tutti gli artisti esposti alla […]

L'opera premiata, di Petrit Halilaj

Molti ricordano la sua installazione “arborea” nel Padiglione del Montenegro alla Biennale di Venezia ancora visitabile per qualche settimana. Parliamo di Petrit Halilaj (Kostërrc, Skenderaj-Kosovo, 1986),annunciato oggi ad Artissima come vincitore del Premio Fondazione Ettore Fico, istituito nel 2009 per valorizzare e promuovere il lavoro dei giovani artisti. Scelto tra tutti gli artisti esposti alla fiera nelle varie sezioni, riceverà un premio acquisto di 15mila euro per la sua opera “Cleopatra”, del 2013 (filo elettrico, lampadina e motore), presentata dalla galleria Chert di Berlino (Main Section), che entrerà a far parte del costituendo Museo Ettore Fico di Torino che aprirà nel 2014. L’innovativo progetto architettonico di recupero ideato in zona Barriera di Milano, area della città al centro di una importante riqualificazione,dedicato all’importante artista torinese che ha operato per oltre 50 anni nella sua città.
La Giuria di questa edizione del premio era composta da Renato Alpegiani, collezionista, Andrea Busto, Direttore della Fondazione Ettore Fico, Andrea Lissoni, Curatore dell’HangarBicocca, Letizia Ragaglia, Direttore del Museion e da Andrea Viliani, Direttore del Madre. Oltre al lavoro di Halilaj, la Fondazione Fico ha acquisito, sempre per il Museo, anche opere di
Marcos Lutyens dalla galleria Arte Boccanera, di Alessia Xausa dalla galleria Thomas Brambilla, di Martino Gamper dalla galleria Franco Noero, di Alessandro Sciaraffa dalla galleria Giorgio Persano, di Emmanuel Régent dalla Galleria Analix Forever.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Zico

    il suo pollaio spaziale resta indimenticabile

    • Zico, sei parente di Petrit ?

    • Idea già del film d’animazione “galline in fuga”

  • Zico

    no no, ma il pollaio a forma di missile sagomato in legno vale una carriera di questi tempi!
    l’arte è visione

    ah stava nel film? davvero?

  • luigi

    Cara Redazione, avete per caso un video dell’installazione, così che i lettori possano rendersi conto dell’opera? Perché, vista così, sembra soltanto una lampadina e un premio così consistente appare ridicolo… Leggo invece che c’è un motore: come agisce il meccanismo? Grazie, se potete

  • Paolo Bacchis

    Ma stiamo scherzando?!?!! Questo era un lavoro di Nico Vascellari tra le altre cose presentato nella sua personale al Museion curata dalla stessa Letizia Ragaglia nel 2009. VergognateVi.