Torino Updates: galleristi falegnami e carpentieri, in mezzo alle perle di Back to the Future. Ecco la prima fotogallery dal backstage di Artissima

Scalandrini dall’equilibrio instabile, trapani in funzione, imballaggi utilizzati come improvvisavi tavoli. La sera prima dell’opening della fiera, è tutto un frenetico affrettarsi a popolare gli stand: ma facendo lo slalom fra dipinti ancora sdraiati a terra e sculture inviluppate da teli, una prima impressione è facile farsela. Noi non abbiamo resistito e ci siamo infilati […]

Scalandrini dall’equilibrio instabile, trapani in funzione, imballaggi utilizzati come improvvisavi tavoli. La sera prima dell’opening della fiera, è tutto un frenetico affrettarsi a popolare gli stand: ma facendo lo slalom fra dipinti ancora sdraiati a terra e sculture inviluppate da teli, una prima impressione è facile farsela. Noi non abbiamo resistito e ci siamo infilati dietro le quinte di Artissima: con qualche sosta più prolungata negli spazi di Present Future ed in quelli – straordinari, cercateli nella fotogallery – di Back to the Future. Grande occasione per vedere artisti non propriamente usuali, dal grande Ulay a Brian O’ Doherty

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.