Torino Updates: e alla sera tutti a The Others. Pienone di pubblico per l’apertura della fiera serale nell’ex carcere Le Nuove, ecco la fotogallery

Nella giornata riservata agli opening, dopo la full immersion di Artissima all’Oval Lingotto – e magari prima di un passaggio alle OGR per qualche scampolo musicale di Club To Club – il popolo dell’arte si da convegno in carcere. Non è un eufemismo, parliamo dell’ex carcere Le Nuove e di The Others, la fiera che […]

Nella giornata riservata agli opening, dopo la full immersion di Artissima all’Oval Lingotto – e magari prima di un passaggio alle OGR per qualche scampolo musicale di Club To Club – il popolo dell’arte si da convegno in carcere. Non è un eufemismo, parliamo dell’ex carcere Le Nuove e di The Others, la fiera che da qualche anno ha fatto di questa inusitata location la propria cifra distintiva. E anche quest’anno il pubblico ha premiato le scelte, affollando i corridoi e le celle, spesso con ingorghi non facili da districare in ambienti non proprio comodi. Solita atmosfera frizzante, molte scelte azzeccate negli stand che spesso diventano progetti installativi: alla prima fotogallery il compito di raccontarvi per immagini…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • che meraviglia lo stand dedicato a Domenico Grenci