Tacita Dean, l’alfiere del cinema. Ecco le immagini della mostra bolognese al MAMbo: un dialogo su più livelli dell’artista inglese con il grande Giorgio Morandi

Tacita Dean si racconta al MAMbo. E racconta Giorgio Morandi. Presentazione-convegno con Gianfranco Maraniello e Roberto Pinto per l’artista di Canterbury, che presenta un doppio progetto in video dedicato al maestro bolognese. Anzi, in pellicola, come ama ricordare l’artista, che ha realizzato Still Life e Day for Night nel 2009, grazie al sostegno della Fondazione […]

Tacita Dean si racconta al MAMbo. E racconta Giorgio Morandi. Presentazione-convegno con Gianfranco Maraniello e Roberto Pinto per l’artista di Canterbury, che presenta un doppio progetto in video dedicato al maestro bolognese. Anzi, in pellicola, come ama ricordare l’artista, che ha realizzato Still Life e Day for Night nel 2009, grazie al sostegno della Fondazione Nicola Trussardi. Gli oggetti di Casa Morandi, le composizioni morandiane riallestite dalla stessa Dean e il tavolo di lavoro in cui l’artista di Grizzana usava rimarcare i perimetri delle sue nature morte, in una sorta di quadro astratto lungo una vita sono i soggetti, in un dialogo intimo tra i due “colleghi”.
La mostra, che sarà visitabile fino al 9 febbraio, sottolinea un lato inedito del maestro tanto frequentato dalla critica, e fa da pendant con le opere della collezione nelle sale attigue, per un’esperienza completa e a cavallo tra più epoche della storia dell’arte. Nel corso della discussione la Dean ha ricordato la differenza tra pellicola e cinema digitale, che ritorna anche nel titolo del suo pezzo Day for Night (l’ “effetto notte” di cui parlava Truffaut nel suo film) e ha rilanciato il suo appello per il riconoscimento del cinema da parte dell’Unesco come patrimonio culturale dell’umanità.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.