Regalo d’addio da Ryan Mendoza. L’artista americano torna a casa dopo vent’anni nel Vecchio Continente: e saluta con una mostra a Bologna. E con 10 regali a sorpresa ai visitatori più fortunati

Si era affacciato all’Europa una ventina di anni fa, partendo da Bologna e gravitando poi anche su Berlino. Ora Ryan Mendoza sta per lasciare il Vecchio Continente per tornare nella natia America, dalla quale era “scappato”, come dice lui stesso: ma prima di partire torna a Bologna con una mostra in cui presenta oltre 20 […]

Ryan Mendoza (foto Chiara Pilati)

Si era affacciato all’Europa una ventina di anni fa, partendo da Bologna e gravitando poi anche su Berlino. Ora Ryan Mendoza sta per lasciare il Vecchio Continente per tornare nella natia America, dalla quale era “scappato”, come dice lui stesso: ma prima di partire torna a Bologna con una mostra in cui presenta oltre 20 opere inedite, e che riserva un bella sorpresa per tutti coloro che la visiteranno.
Venerdì 29 novembre, infatti, durante l’inaugurazione, e per tutta la durata della mostra, l’intero spazio della neonata associazione Abc (via Farini 30), che ospita Mendoza per l’ultima occasione italiana almeno per un po’, sarà completamente coperto di carta. Sono le oltre 300 pagine del diario che l’artista ha tenuto durante un anno molto speciale passato a Berlino, fra le quali si nasconderanno 10 pagine diverse, marchiate da un segno particolare. A chi, per fortuna o per accurata ricerca, troverà una di quelle pagine Mendoza regalerà un disegno originale e unico.
Si tratta di una sorta di ringraziamento e di omaggio al paese e alla città che per prima lo ha accolto “emigrante”, ora che si accinge a tornare oltreoceano per restarci. L’occasione della partenza è una chiamata da parte di Karline Moeller per un periodo di residenza a Mana Contemporary, lo spazio che ha ospitato moltissimi grandi dell’arte contemporanea, da Marina Abramovic a Keith Haring. Qui farà una grande mostra in autunno e poi si stabilirà di nuovo a New York, quasi “costretto”, come dice lui, a tornare nel paese dal quale era fuggito a causa della sua “omofobia” e del suo “razzismo”.

– Chiara Pilati

Ryan Mendoza – Chromophobia
Inaugurazione: venerdì 29 novembre 2013 – ore 18.30
Dal 29 novembre 2013 al 10 gennaio 2014
Abc – via Farini 30, Bologna
www.abcbo.it

CONDIVIDI
  • orlando domenico

    Quanto sono invecchiati male i suoi quadri.

    • Franco

      Se lo dici tu…
      A proposito, chi sei?

  • g celant

    mai visto quadri cosi belli

  • dan costello

    Spinoza.