Lo Strillone: i locali della nuova Dolce Vita e la pedonalizzazione di via dei Fori, suggestioni romane tra gossip e cultura su Il Giornale. E poi la riscoperta di de La Tour, Munch in mostra a Genova, le opere trafugate dai nazisti ritrovate a Monaco di Baviera…

Dai locali di vecchie e nuove tendenze alle discussioni attorno all’ormai famigerata pedonalizzazione di via dei Fori, passando per le più recenti uscite in libreria e una selva di citazione e dichiarazioni: Wim Wenders, Luigi Ontani e via dicendo. Il mito di una Roma che non muore mai, anzi, si rinnova continuamente nel pezzo firmato […]

Quotidiani
Quotidiani

Dai locali di vecchie e nuove tendenze alle discussioni attorno all’ormai famigerata pedonalizzazione di via dei Fori, passando per le più recenti uscite in libreria e una selva di citazione e dichiarazioni: Wim Wenders, Luigi Ontani e via dicendo. Il mito di una Roma che non muore mai, anzi, si rinnova continuamente nel pezzo firmato da Aurelio Picca su Il Giornale.

La collezione di opere d’arte trafugate dai nazisti e rinvenute a Monaco di Baviera tiene banco su L’Unità. Altro genere di riscoperta quella trattata su Il Fatto Quotidiano da Tomaso Montanari, che spiega ai suoi più giovani lettori la ritrovata fortuna critica di Georges de La Tour.

I ritratti del Novecento dal Centre Pompidou a Milano su Quotidiano Nazionale; giro d’Italia per mostre e fiere quello de La Stampa: che visita Cézanne a Roma e anticipa Munch a Genova, cominciando a rodare i motori in vista di Artissima.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.