Dieci artisti a Lecce, per una mostra in due sedi istituzionali. Aperto il nuovo bando comunale di CreArt, stavolta anche per i più maturi. Limite d’età spostato fino a quarant’anni

Riparte da Lecce CreArt- network of cities for artistic creation, il progetto europeo di interazione culturale tra artisti visivi del panorama internazionale, per la promozione dell’arte contemporanea. Con un nuovo bando, presentato il 4 novembre dallo staff pugliese di CreArt negli istituti artistici della Capitale del Barocco e pubblicato sul sito del Comune di Lecce. […]

CreArt

Riparte da Lecce CreArt- network of cities for artistic creation, il progetto europeo di interazione culturale tra artisti visivi del panorama internazionale, per la promozione dell’arte contemporanea. Con un nuovo bando, presentato il 4 novembre dallo staff pugliese di CreArt negli istituti artistici della Capitale del Barocco e pubblicato sul sito del Comune di Lecce. Dopo il successo riscontrato nella scorsa edizione dell’evento quinquennale approdato a Lecce – con  la  collettiva More Real than the Real a Palazzo Vernazza, il Barbonaggio Teatrale di Ippolito Chiarello e l’incontro-dialogo al Must, Museo Storico della Città, con l’artista Francesco Arena – l’assessore alle Politiche Giovanili e Comunitarie Alessandro Delli Noci, il direttore artistico di CreArt Lecce Lorenzo Madaro e il direttore del Must Nicola Elìa, hanno presentato la nuova call nelle scuole del territorio, a partire dall’Accademia delle Belle Arti di Lecce.
Il bando prevede la selezione di dieci artisti visivi che potranno presentare progetti individuali e collettivi negli spazi espositivi di Palazzo Vernazza e del Must. La principale novità è l’innalzamento del limite d’età per i partecipanti, portato a 40 anni, da compiersi entro il 31 dicembre 2013. “Abbiamo voluto alzare il limite massimo di età”, spiega l’assessore Delli Noci, “nella consapevolezza che lo scorso anno tanti artisti locali, che hanno trascorso tanti anni nelle Accademie, hanno alle loro spalle tanti anni di gavetta e, nonostante tutto, faticano a trovare spazi, non hanno potuto partecipare per il vincolo anagrafico. A loro è andato il nostro pensiero quest’anno, sperando che Creart possa rappresentare, anche per loro, un’opportunità per esprimere la loro arte e il loro talento”. La domanda di partecipazione deve essere consegnata al Comune di Lecce entro il 30 novembre 2013.

– Cecilia Pavone

Info:  www.comune.lecce.it

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".
  • Certo che in Italia ancora con questi limiti di età…..ma quando allargherete gli orizzionti in questo paese !!!