Con l’occhio (e la matita) di Pasolini. Alla Fondazione Pastificio Cerere i disegni di Carmelo Baglivo, architetto dello studio IaN+: ecco le immagini in anteprima

“È un chiaro omaggio a quegli scritti pasoliniani dove è lasciato al lettore il compito di rimettere ordine tra i frammenti di un’opera dispersa e incompleta. Allo stesso modo i miei disegni parlano di architettura attraverso immagini autonome e fuori dalla storia, in attesa che chi guarda possa costruire il proprio personale percorso”. Dagli Scritti corsari […]

È un chiaro omaggio a quegli scritti pasoliniani dove è lasciato al lettore il compito di rimettere ordine tra i frammenti di un’opera dispersa e incompleta. Allo stesso modo i miei disegni parlano di architettura attraverso immagini autonome e fuori dalla storia, in attesa che chi guarda possa costruire il proprio personale percorso”. Dagli Scritti corsari ai Disegni corsari: ed ecco servito il titolo della mostra che Carmelo Baglivo – dello studio IaN+ – presenta a Roma alla Fondazione Pastificio Cerere, a cura di Emilia Giorgi.
L’esposizione, che presenta per la prima volta al pubblico l’ampia produzione di disegni e collage che da sempre accompagna l’attività architettonica di Baglivo, si articola secondo tre aree tematiche che si susseguono negli spazi della Fondazione. Le pareti della sala introduttiva ospitano una collezione di disegni con formati, tecniche e supporti diversi, “pensieri su carta, schizzi, acquerelli o fumetti che rappresentano alcuni dei più interessanti progetti dello studio IaN+ o suggestioni utili a nutrire l’immaginario concettuale e creativo dell’architetto”. Nella seconda sala campeggiano 8 collage realizzati in digitale attraverso la sovrapposizione di griglie, superfetazioni e immagini monolitiche su alcuni celebri paesaggi di Piranesi, mentre nell’ultima stanza il pubblico si immerge in un flusso incessante di immagini digitali, accompagnato dalla colonna sonora composta e interpretata per l’occasione da Tactus Fugit Composing Sounds (Federico Giangrandi, Simona Marino, Alessio Santoni). Nella gallery, un’anteprima in esclusiva per Artribune

Inaugurazione: martedì 12 novembre 2013 – ore 19
Ore 18: talk con interventi di Gian Piero Frassinelli e Luca Molinari
Dal 12 al 22 novembre 2013
Fondazione Pastificio Cerere
Via degli Ausoni 7, Roma
www.pastificiocerere.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.