Piero Mottola al Chiostro del Bramante di Roma, per i Martedì Critici. Quindici anni di sperimentazioni acustiche e visive, esplorando la dimensione del caso

C’è anche musica, stavolta, al centro del tradizionale appuntamento settimanale con i Martedì Critici al Chiostro del Bramante di Roma. Martedì 8 ottobre, a raccontare di sé e della propria esperienza creativa, introdotto da Alberto Dambruoso e Gugliemo Gigliotti, c’è il infatti il casertano Piero Mottola, classe 1967, artista e musicista sperimentale, formatosi a Roma, […]

Piero Mottola, Migliorare Peggiorare - gomma calamitata su pannelli metallici verniciati - Centro Studi Jartrakor, Roma, 1988

C’è anche musica, stavolta, al centro del tradizionale appuntamento settimanale con i Martedì Critici al Chiostro del Bramante di Roma. Martedì 8 ottobre, a raccontare di sé e della propria esperienza creativa, introdotto da Alberto Dambruoso e Gugliemo Gigliotti, c’è il infatti il casertano Piero Mottola, classe 1967, artista e musicista sperimentale, formatosi a Roma, che proprio nella Capitale ebbe il suo debutto nel 1988, col progetto Miglioramento-Peggiorament: un lavoro messo in atto grazie alla collaborazione col pubblico, provando ad andare oltre la tradizionale dimensione autoriale e avventurandosi lungo il sentiero sempre aperto del caso, dell’improvvisazione, dell’interazione come metodo e insieme obiettivo. Il processo creativo di costruzione dell’immagine, già a partire da quel primo esperimento, si definiva in quanto processo plurale, graduale, scandito da vari step ma affacciato su un orizzonte mobile, infinitamente possibile.
Tutta la ricerca di Mottola, da allora, si sarebbe mossa in questa direzione: partendo da dati sensibili ed emozionali, l’avventura artistica ed estetica conduce alla scrittura  di mappature, codici, geometrie: veri e propri sistemi complessi, di natura acustica o visiva, che raccolgono gli input arrivati dal pubblico, dall’ambiente, dallo scorrere del tempo e dal mutare delle relazioni, per farne, infinitamente, motore di bellezza.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.