London Updates: ecco l’Italian Sale dei record. All’asta Christie’s Pino Pascali arriva fino a 1,6 milioni di sterline, mentre Alberto Burri sfiora i tre milioni

Record assoluto per una Italian sale ieri sera a casa Christie’s, che raggiunge un totale di £26,7 milioni e altissime percentuali di venduto pari al 92% per lotto e 98% per valore. 8 lotti sono aggiudicati oltre il milione di sterline: tra i 4 record d’artista segnati nel corso della serata, quello per Pino Pascalicon […]

Christie's - Italian Sale

Record assoluto per una Italian sale ieri sera a casa Christie’s, che raggiunge un totale di £26,7 milioni e altissime percentuali di venduto pari al 92% per lotto e 98% per valore. 8 lotti sono aggiudicati oltre il milione di sterline: tra i 4 record d’artista segnati nel corso della serata, quello per Pino Pascalicon Muro di Pietra (Pietra Pietra), battuto a £1,6 milioni, che partiva da una stima di £400-600mila. Eseguito nel 1964, è uno dei primi lavori delle “sculture-oggetto”, che Pascali espose nella sua prima personale alla Galleria La Tartaruga di Roma nel 1965. Top lot per Saccodi Alberto Burri, che supera una stima di £2,5 milioni per arrivare a oltre £2,9 milioni. La top ten è tutta firmata Lucio Fontana, che ignora letteralmente le stime massime sorpassandole egregiamente. Folla letteralmente ingestibile, tanto che molti bid sono giunti da una saletta aggiuntiva, dotata di un secondo battitore.
Christie’s questa settimana ha battuto ben 31 record d’artista nelle sue Evening sales, compresi i 23 record nell’asta di Saatchi
Thinking Big, tra cui quello di Tracey Emin, mentre la sua compagna Sarah Lucasl’ha segnato ieri sera nell’asta Post-War and Contemporary Art, assieme ad altri 7 nomi. La vendita totalizzato £27,8 milioni, con percentuali di venduto del 91% per lotto, con 9 opere che hanno sorpassato il milione di sterline e 12 il milione di dollari. Top lot annunciato l’opera di Glenn Brown con l’opera monumentale Böcklin’s Tomb (copied from ‘Floating Cities’, 1981, by Chris Foss)del 1998, venduto a £2,3 milioni, seguito dal dittico di Martin Kippenberger Nieder mit der Bourgeoisie (Down with the Bourgeoisie), un autoritratto dll’artistache raggiunge £1,8 milioni e Red Canoedi Peter Doig, che raggiunge addirittura £1,7 milioni. Nella top ten 3 opere di Basquiat, tra cui la collaborazione con Warhol, tutte aggiudicate entro le stime, mentre vola all’ottavo posto la giapponese più hot del momento, Yayoi Kusama, che straccia la stima raggiungendo £1,3 milioni, poco al di sopra di Christopher Wool. Gerhard Richternon brilla nemmeno nella Evening di Christie’s, presente con una delle opere fotorealistiche Säugling auf einem Tisch (Infant on a Table)del 1965, venduto si, ma senza toccare la stima minima. Terminerà nel pomeriggio la serie di aste della Frieze week, con la Day sale di Christie’s, che hanno mostrato il meglio della produzione degli artisti giovani e di punta del momento, riservando i capolavori museali per le aste delle meraviglie di New York a novembre.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.