Lo Strillone: date le piramidi e Pompei ai privati, la provocazione di Luca Nannipieri su Il Giornale. E poi Banksy vede le sue opere davanti al Central Park, Brera riscopre il Seicento Lombardo, al via il Premio Terna…

“Chi teme i privati sciupa occasioni”: così Luca Nannipieri su Il Giornale, che parte dalla liaison tra Louvre e Abu Dhabi per perorare strade liberal. Verso la gestione aziendale di beni che vanno dalla piana di Giza a Pompei. Un Banksy a 60 dollari? A New York si può: bancarella d’artista in Central Park su […]

Quotidiani
Quotidiani

“Chi teme i privati sciupa occasioni”: così Luca Nannipieri su Il Giornale, che parte dalla liaison tra Louvre e Abu Dhabi per perorare strade liberal. Verso la gestione aziendale di beni che vanno dalla piana di Giza a Pompei. Un Banksy a 60 dollari? A New York si può: bancarella d’artista in Central Park su La Repubblica, con l’artista sotto mentite spoglie a vendere copie autografe su tela dei suoi graffiti. E c’è pure chi chiede (e ottiene) lo sconto.

Il Seicento lombardo secondo Federico Borromeo a Brera e su Avvenire; i ritratti dal Centre Pompidou a Palazzo Reale raccontati da il manifesto. Su Libero e Corriere della Sera partono le selezioni del Premio Terna.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.