Art Digest: Damien Hirst, i fichi e i piselli. 6 milioni di differenze fra Prado e Maxxi. Sindaco, ministro e premier, tre scimmiette per Jean Nouvel

Storie di piselli e di fichi. A Doha si rischia lo scandalo per gli organi genitali in bella vista della scultura Saint Bartholomew, Exquisite Pain, di Damien Hirst: ed ecco comparire una provvidenziale foglia di fico… (independent.co.uk) “In 5 anni ci hanno tagliato i finanziamenti di 6 milioni di euro, da 44,4 a 38,2”, lamenta […]

Tempi duri per la Philharmonie de Paris e per Jean Nouvel?

Storie di piselli e di fichi. A Doha si rischia lo scandalo per gli organi genitali in bella vista della scultura Saint Bartholomew, Exquisite Pain, di Damien Hirst: ed ecco comparire una provvidenziale foglia di fico… (independent.co.uk)

In 5 anni ci hanno tagliato i finanziamenti di 6 milioni di euro, da 44,4 a 38,2”, lamenta il direttore del Prado Miguel Zugaza. Chissà se immagina che 6 milioni di euro in Italia è il budget totale – pure contestato – di un museo come il Maxxi… (abc.es)

Il mio lavoro non è più il mio lavoro, ora voglio cambiare la coscienza di esseri umani su questo pianeta“. Lady performance Marina Abramovic racconta il futuro Marina Abramovic Institute… (nytimes.com)

Lui batte cassa da Francois Hollande, da Aurélie Filippetti, da Bertrand Delanoe: servono ancora fondi per la nuova Philharmonie de Paris. Ma nessuno risponde a Jean Nouvel: non ci sono più soldi… (lefigaro.fr)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.