Aprirà a primavera 2014 a Torino il nuovo Museo Ettore Fico. Lavori serrati alla nuova struttura che sarà diretta da Andrea Busto: ecco in anteprima le immagini di location e progetti

L’innovativo progetto architettonico di recupero è stato ideato in zona Barriera di Milano, area della città al centro di una importante riqualificazione, dal direttore del museo, Andrea Busto, in collaborazione con l’architetto torinese Alex Cepernich. Di che si parla? Del Museo Ettore Fico, un nuovo spazio dedicato all’arte moderna e contemporanea di Torino che sarà […]

L’innovativo progetto architettonico di recupero è stato ideato in zona Barriera di Milano, area della città al centro di una importante riqualificazione, dal direttore del museo, Andrea Busto, in collaborazione con l’architetto torinese Alex Cepernich. Di che si parla? Del Museo Ettore Fico, un nuovo spazio dedicato all’arte moderna e contemporanea di Torino che sarà inaugurato nella primavera del 2014: e che viene presentato oggi 17 ottobre al Circolo dei Lettori.
MEF è appunto l’acronimo di Museo Ettore Fico, importante artista torinese che ha operato per oltre 50 anni nella sua città e a cui lo spazio espositivo è dedicato. Uno spazio espositivo di circa 2000 mq “che, in una Torino sempre più attenta ai temi dell’arte moderna e contemporanea, rappresenterà una nuova voce internazionale per la ricerca e per i giovani artisti, per i curatori e per i critici”.
Un museo concepito anche per essere un luogo di aggregazione per gli abitanti, che troveranno al suo interno, oltre a una sala conferenze e a un bookshop dal concept innovativo, anche una caffetteria e una zona relax. Tempo per parlare di programmi e di governante ce ne sarà ancora: intanto, eccovi in anteprima le immagini dei progetti e dello stato dei lavori…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.