Una nuova galleria a Roma. In pieno centro inaugura L’Opera: fra suore, chiese e cimiteri, tematiche non convenzionali per la mostra di debutto

“Tre gli artisti, tre, per ciascuno, le opere esposte. Tre, grosso modo, anche le generazioni rappresentate”. Con poche parole il curatore Edoardo Sassi introduce la mostra Trialogo, con la quale si inaugura a Roma la nuova Galleria l’Opera. Nuova impresa, ma non nuova vocazione degli spazi espositivi, a Via di Monserrato, che sono infatti un’eredità […]

Tre gli artisti, tre, per ciascuno, le opere esposte. Tre, grosso modo, anche le generazioni rappresentate”. Con poche parole il curatore Edoardo Sassi introduce la mostra Trialogo, con la quale si inaugura a Roma la nuova Galleria l’Opera. Nuova impresa, ma non nuova vocazione degli spazi espositivi, a Via di Monserrato, che sono infatti un’eredità di The Gallery Apart, trasferitasi nei mesi scorsi in altra sede.
Lo spazio” – chiarisce il gallerista Andrea Iezzi, “è quello di chi pensa che l’arte non sia morta, di chi pensa che l’arte contemporanea si faccia non solo ed esclusivamente con gli alfabeti dell’arte concettuale; di chi pensa, infine, che concettuale sia tutta l’arte supportata da un qualche pensiero, pittura compresa“.
Tre artisti, dunque: ovvero Mauro Maugliani, Gonzalo Orquín e Luis Serrano, ciascuno rappresentato non solo da un’opera pittorica di grandi dimensioni, ma anche da altre interpretazioni più sperimentali di uno stesso tema. Tematiche non convenzionali, e trattate in modo non convenzionale: Suore, Matrimoni, Interni è infatti il sottotitolo della collettiva, “nella quale l’estro dei creativi chiamati all’appello ha generato quadri, sculture, luoghi, video (ambientati in un cimitero e dove si ascoltano rosari cantati), divani «parlanti» e baci in odor di «eresia», rubati ai piedi degli altari di alcune tra le più importanti basiliche antiche di Roma”.

Inaugurazione: mercoledì 25 settembre 2013 – ore 18
Dal 25 settembre al 15 novembre 2013
Via di Monserrato, 40 – Roma
www.gallerialopera.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.