Startmilano diventa Startweek: dieci giorni frenetici per portare la città nel pieno della stagione artistica, fra gallerie e istituzioni pubbliche. Guidati dalla nuovissima app…

Non è questa la sede per elencarvi tutti i partecipanti, né tantomeno il fittissimo calendario di opening e presentazioni varie: altrimenti una news si trasformerebbe in qualcosa che vi chiede almeno mezzora di lettura. Già, perchè Startmilano – di questo stiamo parlando – quest’anno si trasforma in Startweek, apparecchiando un menù spalmato su ben dieci […]

L'Hangar Bicocca

Non è questa la sede per elencarvi tutti i partecipanti, né tantomeno il fittissimo calendario di opening e presentazioni varie: altrimenti una news si trasformerebbe in qualcosa che vi chiede almeno mezzora di lettura. Già, perchè Startmilano – di questo stiamo parlando – quest’anno si trasforma in Startweek, apparecchiando un menù spalmato su ben dieci giorni, da giovedì 19 a sabato 28 settembre.
Per cui vi rimandiamo al link sottostante, mentre i più techno – ormai sono tantissimi – potranno avvalersi di That’s App, la mobile app di that’s contemporary per piattaforme iOS e Android dedicata all’evento. Per l’ottavo anno insomma le gallerie d’arte contemporanea del circuito start animeranno la città con inaugurazioni congiunte e orari prolungati, affiancate da numerose istituzioni pubbliche, tra cui Assab One, careof/Docva, Fondazione Marconi, Hangar Bicocca, Istituto Svizzero.

www.startmilano.it/files/STARTWEEK-2013.pdf
Scarica la app della Startweek

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.