Opening a Venezia. Uno Spazio Aereo dentro un Parco Tecnologico. Nuovo centro indipendente per le arti visive e performative, tra musica, teatro, installazioni

Nuovi spazi per l’arte a Venezia. Un nome evocativo, che rimanda al senso di libertà e all’immagine del volo, per un luogo indipendente pensato in forma di factory multidisciplinare, votata alla produzione. Spazio Aereo mette insieme artisti visivi, musicisti e professionisti nel campo della cultura, proponendosi come quartier generale, macchina produttiva e ambiente espositivo, ricavato […]

Nuovi spazi per l’arte a Venezia. Un nome evocativo, che rimanda al senso di libertà e all’immagine del volo, per un luogo indipendente pensato in forma di factory multidisciplinare, votata alla produzione. Spazio Aereo mette insieme artisti visivi, musicisti e professionisti nel campo della cultura, proponendosi come quartier generale, macchina produttiva e ambiente espositivo, ricavato all’interno del Parco Scientifico e Tecnologico VEGA. Trasversali i palinsesti, che toccano i campi delle arti visive contemporanee e dei linguaggi performativi, con una programmazione eterogenea: dalla videoarte di ikono TV a Pierpaolo Capovilla (Teatro degli Orrori), per il tour reading de “La religione del mio tempo” di Pier Paolo Pasolini, passando dalle sonorità oscure di Vatican Shadow, fino al live-set in anteprima di Silent Servant e all’installazione performativa di Nico Vascellari Untitled (Fossil 290913), una scultura sonora per nastro magnetico.
Queste alcune delle proposte con cui si presenta al pubblico Spazio Aereo, tutte incluse nella rassegna internazionale On Land. Partenza la sera del 26 settembre, con le performance musicali di Sebastiano de Gennaro & Enrico “Der Maurer” Gabrielli, intrigante duo di compositori e polistrumentisti, sperimentali, audaci, di recente opsitati anche su Artribune Television con il loro recente disco (+ video) che reinterpreta due brani giovanili di John Cage, riproposti come ipnotiche composizioni aleatorie, ossessivamente ludiche. La stessa sera, a seguire, il duo OoopopoiooO,  formato da Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, un concerto per theremin, violino, viola, voce, giocattoli, elettronica e ukulele, tra minimalismo, elettronica, ambient e molta improvvisazione.

–  Helga Marsala

Spazio Aereo – VEGA
Via delle Industrie 27/5 – Venezia
www.spazioaereo.com
tel +39.333.7838794

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.