La lista di Larry. Porta il nome di Gagosian ma viene da Hong Kong l’ultimo arrivato fra i database di art collectors: un nome costa dieci dollari

Nomi di collezionisti, il dato più ricercato e quello custodito più voracemente nel mondo dei galleristi e mercanti d’arte di tutti i generi. Ma ci pensa Lui, Mr. Gagosian, a mettere il suo nome nella creazione del nuovo database online larryslist.com. La sua “List” raccoglie al momento 3.115 collezionisti provenienti da 70 paesi, ed è […]

Larry Gagosian
Larry Gagosian

Nomi di collezionisti, il dato più ricercato e quello custodito più voracemente nel mondo dei galleristi e mercanti d’arte di tutti i generi. Ma ci pensa Lui, Mr. Gagosian, a mettere il suo nome nella creazione del nuovo database online larryslist.com. La sua “List” raccoglie al momento 3.115 collezionisti provenienti da 70 paesi, ed è stata creata non da Larry, ma dall’imprenditore tedesco Magnus Resch, con il suo team di ricercatori basato ad Hong Kong. Attenzione però, il nome può trarre in inganno: infatti questo flusso di informazioni non proviene dal patrimonio di contatti di Mr. Gagosian, bensì è frutto di una accurata ricerca della società di Resch sulla base di tutte le informazioni pubblicamente accessibili nel web. Un database creato per venire incontro ai venditori nello scovare nuovi contatti a seconda della regione o dell’artista di interesse.
I costi per l’accesso al database? Dai 9.50 dollari in su, a seconda di quanti contatti si vogliono acquistare. La ricerca è molto semplice, costituita da due chiavi, lo stato di provenienza del collezionista e il nome dell’artista a cui è interessato. Da questa ricerca risulteranno dei nomi sottoforma di iniziali, a cui si potrà accedere dietro pagamento e saranno disponibili per 24 mesi, inclusi gli aggiornamenti. Tutti questi collezionisti sono stati inseriti in una classifica sulla base di quanto acquistano e quanto sono attivi nel mercato dell’arte. Da notare che la maggior parte degli artisti coinvolti nei criteri di ricerca non sono grossi nomi del mercato, ma per lo più emergenti, che spesso danno come risultato appena 2-3 nomi di collezionisti…

– Martina Gambillara

www.larryslist.com

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.