Fondazioni sempre cardine della promozione culturale e sociale. Domani arriva la Giornata Europea: con un doppio appuntamento Cariplo sull’asse Italia-Londra

Le Fondazioni? Secondo uno studio di fattibilità della Commissione Europea, in Europa ce ne sono 110mila. La maggior parte hanno scopi di pubblica utilità, erogano – secondo le stime – 83 miliardi di euro ed hanno un patrimonio di circa 350 miliardi di euro. Il 30% delle erogazioni vanno a favore di istruzione e ricerca, il […]

Felice Scalvini, presidente del consilglio nazionale di Assifero

Le Fondazioni? Secondo uno studio di fattibilità della Commissione Europea, in Europa ce ne sono 110mila. La maggior parte hanno scopi di pubblica utilità, erogano – secondo le stime – 83 miliardi di euro ed hanno un patrimonio di circa 350 miliardi di euro. Il 30% delle erogazioni vanno a favore di istruzione e ricerca, il 25% del sociale, il 17% della salute. Oggi, sempre secondo le stime, le fondazioni danno lavoro in Europa a più di 1 milione di persone, con risvolti occupazionali, in tempi di crisi, rilevanti (crf. ec.europa.eu/internal_market/company/docs/eufoundation/feasibilitystudy_en.pdf). Domani, 1 ottobre, questo settore così importante per la produzione culturale in Italia e nel mondo, festeggia la Giornata Europea delle Fondazioni e dei donatori, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza sul tema e per evidenziare il valore del lavoro di questi soggetti con eventi, raccolte fondi, concerti, conferenze ed attività che uniranno tutti i Paesi Europei. In Italia l’iniziativa, promossa da Dafne, il network dei donatori e delle fondazioni erogative europee, è coordinata da ACRI – Associazione delle Fondazioni e Casse di Risparmio SPA e Assifero (Associazione Italiana Fondazioni ed Enti di Erogazione), con l’obiettivo di far conoscere meglio il mondo della filantropia.
Tra le molte iniziative previste nel nostro Paese, Fondazione Cariplo propone un doppio appuntamento, gemellato con Londra, per presentare “IPO solidale”, una nuova forma di sostegno a progetti sociali e culturali, con un’attenzione particolare alle nuove generazioni, alle persone fragili e al mondo del no profit. Con un’azione filantropica inedita, che chiama in causa le società quotate in borsa, le quali possono scegliere di sostenere o meno i progetti già selezionati dalla Fondazione Cariplo. Sono già attive tre iniziative (Vesti solidale, Milano, Cangiari, Locride, e un percorso che punta sugli HUB di innovazione culturale), mentre per il 2013 sono stati messi a disposizione 800mila euro, 400mila stanziati dalla Fondazione Cariplo, il restante 50 % da LSEG Foundation e dalle IPO che hanno aderito al programma.

– Elisa Bortoluzzi Dubach e Santa Nastro