Dieci anni di residenze parigine. Tanti gli appuntamenti promossi dalla Dena Foundation per celebrare l’anniversario del Centre International d’accueil et d’échanges des Récollets

Due progetti presentati nel 2003, e qui riproposti appositamente per l’occasione, ed poi iniziative nuove, solo alcune di quelle che affollano il ricco calendario annuale. Si da un gran da fare, la Dena Foundation, punteggiando la giornata del 10 settembre di intermezzi musicali e di “vin d’honneur”: del resto l’occasione è importante, il decennale del […]

Il Couvent des Récollets, sede del centro

Due progetti presentati nel 2003, e qui riproposti appositamente per l’occasione, ed poi iniziative nuove, solo alcune di quelle che affollano il ricco calendario annuale. Si da un gran da fare, la Dena Foundation, punteggiando la giornata del 10 settembre di intermezzi musicali e di “vin d’honneur”: del resto l’occasione è importante, il decennale del Centre International d’accueil et d’échanges des Récollets, centro di residenze parigino del quale la fondazione guidata dalla collezionista italiana Giuliana Setari Carusi è stato fra i primi e più concreti sostenitori.
Per l’occasione, dunque, gli spazi di Faubourg Saint-Martin vedranno rivivere due azioni proposte nel 2003: Please knock before entry, percorso conoscitivo con i residenti di tutte le discipline coordinato da Chiara Parisi, e la tavola rotonda Not at Home animée, a cura di María Inés Rodríguez. Questi momenti di memoria saranno poi intercalati da progetti nuovi, come il vernissage della mostra La présence, di Valentina Medda, e da TOP100, l’archivio musicale di Davide Bertocchi.

www.international-recollets-paris.org

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.