Christie’s apre le vendite a Shanghai. La casa d’aste debutta nella metropoli cinese: e a illuminare il catalogo c’è anche Giorgio Morandi

“Un nuovo capitolo per la compagnia”. Così Steven Murphy, CEO di Christie’s, in merito al traguardo raggiunto dalla casa d’aste in territorio cinese. Il 26 settembre è infatti il giorno della prima vendita a Shanghai, con un catalogo di 42 lotti stimati 16 milioni di dollari. Solo arte asiatica sotto il martelletto? No, anzi, in […]

Particolare della Natura Morta di Giorgio Morandi in catalogo da Christie’s Shanghai

Un nuovo capitolo per la compagnia”. Così Steven Murphy, CEO di Christie’s, in merito al traguardo raggiunto dalla casa d’aste in territorio cinese. Il 26 settembre è infatti il giorno della prima vendita a Shanghai, con un catalogo di 42 lotti stimati 16 milioni di dollari. Solo arte asiatica sotto il martelletto? No, anzi, in catalogo anche Warhol e Picasso, assieme a prestigiosi vini come Château Lafite Rothschild 1982, Château Margaux 1986 e Château Latour 2000, ma anche gioielli e orologi, a testimonianza del boom dei beni di lusso che sta vivendo la Cina oggi.
Tra gli highlights una natura morta di Giorgio Morandi del 1963 e  Homme Assis di Pablo Picasso del 1969, oltre a un luccicante Diamond Dust Shoes del 1980-81 di Andy Warhol. Tra i grandi nomi cinesi non potevano mancare Zeng Fanzhi, Liu Ye, Zhang Wang, Luo Zhongli, Ye Yongqing. E poi giade, rubini, diamanti e zaffiri dei più prestigiosi nomi della gioielleria, come Van Cleef and Arpels e Faidee, e 4 pezzi unici di orologeria firmati Patek Philippe in asta per la prima volta. Stime? Dai $250mila ai $650mila per i pezzi unici. In catalogo anche il modellino del Padiglione inglese per l’Expo 2010 di Thomas Heatherwick, stimato $91-130mila.
L’asta, che si tiene al Jing An Shangri-La Hotel, è stata preceduta da 3 giornate di gala, con prestigiose esposizioni, disponibilità per private sales, e un programma educativo che prevedeva letture e convegni. Accanto a questa vendita “fisica”, ce ne sono due online: Hong Kong Jewels e Andy Warhol @ Christie’s China Online Only Sale, che si concluderanno rispettivamente il 3 e 4 ottobre.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.