Art Rio scalpita per trovar posto sull’olimpo delle fiere d’arte mondiali. E per la terza edizione arrivano in Brasile anche cinque gallerie italiane

È l’appuntamento fieristico più importante dell’America Latina, assieme a SP-Arte di San Paolo: sono oltre 100 le gallerie da tutto il mondo che dal 5 all’8 settembre si trasferiscono a Rio de Janeiro per la terza edizione di Art Rio, con cinque italiane pronte nei corridoi di Pier Mauà. Nella sezione principale, “Panorama”, ci sono […]

È l’appuntamento fieristico più importante dell’America Latina, assieme a SP-Arte di San Paolo: sono oltre 100 le gallerie da tutto il mondo che dal 5 all’8 settembre si trasferiscono a Rio de Janeiro per la terza edizione di Art Rio, con cinque italiane pronte nei corridoi di Pier Mauà. Nella sezione principale, “Panorama”, ci sono Massimo de Carlo, Monica De Cardenas e Galleria Cardi: quest’ultima arriva in Brasile con un stand plurimilionario stand affollato di grandi artisti conosciuti in tutto il mondo, da Boetti a Bonalumi, Burri, Calzolari, Castellani, Fontana, Kounellis, Manzoni, Marini, Melotti, Merz, Spalletti, Paolini, Penone, Pistoletto, Uncini, Warhol, Zorio, mentre De Carlo si affida a Sanford Biggers, Alighiero Boetti, Dan Colen, Dadamaino, Sol LeWitt, Piotr Uklański. Nella sezione “Vista”, dedicata alle giovani gallerie con progetti sperimentali, presenti invece Thomas Brambilla e Galleria Gentili.
Quest’anno al menù della fiera si aggiunge “Lupa”, un nuovo programma di arte monumentale curato da Abaseh Mirvali. Al terzo anno invece la sezione “Solo”, dove i curatori Pablo Leon de la Barra e Julieta Gonzalez chiamano 19 artisti a rappresentare Vision of Paradise, dello scrittore brasiliano Sergio Buarque de Holanda.
La sesta economia mondiale vanta un numero di collezionisti in continua crescita, orientati sia sull’arte brasiliana che sui grandi nomi internazionali di artisti storicizzati e con un solido mercato, status symbol dei nuovi ricchi. Le star brasiliane dell’arte contemporanea sono ben rappresentate ad ArtRio, da Adriana Varejao a Beatriz Milhazes, presenti in 4 gallerie, Cildo Mereiles in cinque gallerie, Ernesto Neto, Lygia Clark, Vik Muniz. Come l’anno scorso, in occasione dell’evento fieristico il governo ridurrà temporaneamente le tasse di importazione per facilitare la partecipazione delle gallerie estere.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.