A Roma si affaccia un nuovo spazio di co-working. Si chiama Corte, mette insieme designer, grafici, fotografi a lavorare insieme. E a distillare nuove idee contaminate…

Tre enunciati: a Corte si lavora insieme, a Corte ci s’incontra, a Corte s’impara, gli uni dagli altri. Come in una grande famiglia. La scelta, in questo momento storico dichiaratamente difficile, è oltremodo coraggiosa: sfidare la crisi e aprire uno spazio nel cuore di Roma gestito da un gruppo di giovani professionisti accomunati da passioni […]

Tre enunciati: a Corte si lavora insieme, a Corte ci s’incontra, a Corte s’impara, gli uni dagli altri. Come in una grande famiglia. La scelta, in questo momento storico dichiaratamente difficile, è oltremodo coraggiosa: sfidare la crisi e aprire uno spazio nel cuore di Roma gestito da un gruppo di giovani professionisti accomunati da passioni culturali comuni. Un luogo capace di innescare sinergie creative che abbiano la forza di andare oltre, di “costruire, negli anni, un’agenzia ibrida, iperspecializzata e policentrica, che sappia garantire la massima qualità su progetti sempre più circolari.” L’obiettivo di Corte – questo il nome dello spazio inaugurato ieri 27 settembre in Piazza Dante, due passi da Piazza Vittorio – è infatti creare un luogo di lavoro aperto, co-operativo, dove possano confluire non solo personalità diverse (per formazione, indole e ricerca) ma anche competenze diverse. In ambiti che spaziano – contaminandosi reciprocamente – dall’architettura al design, dalla grafica alla comunicazione, dall’arte alla fotografia.
La base comune resta una certa idea di mondo, la consapevolezza che, rispetto al moltiplicarsi dell’offerta, “l’unica cosa che può fare la differenza è il livello di pensiero che in essa si impone”. A Corte si lavora insieme, nonostante le realtà autonome e indipendenti, ci si incontra nel weekend per condividere passioni comuni, si inaugurano mostre e istallazioni, si organizzano laboratori e workshop pratici e teorici, conferenze e incontri. Uno spazio accogliente, dalle alte mura e dalla conformazione planimetrica scatolare, dove si respira un’energia che non si sentiva da un po’: dai tempi delle corti rinascimentali…

– Giulia Mura

www.benvenutiacorte.it

CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.