Sky Arte update: Stefano Accorsi fischietto corrotto! Appuntamento a Venezia con “L’arbitro”, opera prima di Paolo Zucca. Una commedia visionaria ed elegante, da scoprire in anteprima grazie alle foto di scena di Francesco Piras

Prendi un direttore di gara internazionale, lanciato verso gli onori di una carriera luminosissima. Che c’azzecca con il polveroso terreno di gioco della più infima e sperduta squadra di dilettanti dell’entroterra sardo? Apparentemente nulla, in realtà moltissimo. Perché se la giacchetta nera in questione si lascia sedurre e quindi corrompere può capitare che per punizione […]

Stefano Accorsi sul campo da calcio

Prendi un direttore di gara internazionale, lanciato verso gli onori di una carriera luminosissima. Che c’azzecca con il polveroso terreno di gioco della più infima e sperduta squadra di dilettanti dell’entroterra sardo? Apparentemente nulla, in realtà moltissimo. Perché se la giacchetta nera in questione si lascia sedurre e quindi corrompere può capitare che per punizione venga bannato dal calcio che conta, retrocesso e obliato. Esiliato, appunto. In Sardegna.
Non è una commedia come le altre L’arbitro, primo lungometraggio firmato da Paolo Zucca, destinato ad aprire le Giornate degli autori dell’imminente Mostra del cinema di Venezia. Curatissima fotografia in bianco e nero, personaggi ben torniti e lontani dai cliché kitsch che popolano il più recente cinema italiano di macchiette sciape. A vestire la divisa da arbitro è uno stralunato Stefano Accorsi, ossessionato dal miraggio di un Francesco Pannofino semplicemente magnifico nel cameo che lo vede fare il verso al famigerato Byron Moreno; a chiudere il cast Geppi Cucciari, Alessio Di Clemente e Marco Messeri.
Sul sito di Sky Arte HD un antipasto del film, presentato a Venezia il 27 agosto e distribuito nelle sale due giorni dopo dalla Lucky Red. Ampia galleria di immagini con le foto di scena firmate da Francesco Piras.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.