Rosario Dawson come la Maja Desnuda. Dopo “La migliore offerta” e “Gambit”, Danny Boyle riaccende i fari di un set cinematografico sul mondo dell’arte

La migliore offerta, Gambit, e tra due settimane anche In trance. Arriva il nuovo film di Danny Boyle, che riaccende i fari di un set cinematografico sul mondo dell’arte, per la terza volta in meno di un anno. Per un thriller psicologico, visionario e allucinato dove la distorsione della realtà deriva dallo stato di ipnosi […]

La migliore offerta, Gambit, e tra due settimane anche In trance. Arriva il nuovo film di Danny Boyle, che riaccende i fari di un set cinematografico sul mondo dell’arte, per la terza volta in meno di un anno. Per un thriller psicologico, visionario e allucinato dove la distorsione della realtà deriva dallo stato di ipnosi cui si sottopongono i personaggi del film, nel tentativo di far riemergere una verità rimossa. Il protagonista James McAvoy interpreta un banditore d’aste coinvolto nel furto del capolavoro di Goya Le streghe in aria.
Colpito alla testa durante l’azione, il trauma gli impedirà di ricordare dov’è stato nascosto il prezioso bottino, e per questa ragione il capo della banda (Vincent Cassel) deciderà di coinvolgere l’affascinante ipnotista Elizabeth Lamb (Rosario Dawson) che per la gioia dei vostri occhi si esibirà, in una scena del film, in un nudo integrale chiaramente ispirato alla Maja Desnuda. Fotografia ultra patinata firmata dal fedele Anthony Dod Mantle per un noir che però, finora, non sembra aver ricevuto consensi unanimi. Nelle sale italiane a partire dal 29 agosto…

– Beatrice Fiorentino

CONDIVIDI
Beatrice Fiorentino
Giornalista freelance e critico cinematografico, scrive per la pagina di Cultura e Spettacoli del quotidiano Il Piccolo e per diverse testate online. Dal 2008 collabora con l'Università del Litorale di Capodistria, dove insegna Linguaggio cinematografico e audiovisivo. Dal 2015 cura la sezione Nuove Impronte di ShorTS - International Film Festival e fa parte della commissione Film della Critica del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Cura eventi, presentazioni e rassegne cinematografiche e dal 2016 è selezionatore per la Settimana Internazionale della Critica di Venezia.