O combatti o scappi (oppure ridi…). Da Marcello Veneziani a Enrico Ghezzi, a Giulio Giorello, tanti gli ospiti che nelle Marche celebrano il matrimonio fra Popsophia e Biennale dell’Umorismo

Crossover marchigiano e festivaliero. Popsophia incontra la Biennale dell’Umorismo al Castello della Rancia di Tolentino. Al centro dell’attenzione, dal 29 agosto al 1 settembre, il motto O combatti o scappi (oppure ridi…), l’aforisma del filosofo americano John Morreall, autore del famoso saggio per Suny Press The Philosophy of Laughter and Humor. Motto che qui, trascorsi […]

Giulio Giorello

Crossover marchigiano e festivaliero. Popsophia incontra la Biennale dell’Umorismo al Castello della Rancia di Tolentino. Al centro dell’attenzione, dal 29 agosto al 1 settembre, il motto O combatti o scappi (oppure ridi…), l’aforisma del filosofo americano John Morreall, autore del famoso saggio per Suny Press The Philosophy of Laughter and Humor. Motto che qui, trascorsi quasi 27 anni dal lontano 1987 in cui il docente di Williamsburg lo scrisse, assume delle connotazioni tutte contemporanee, italiche e non. Insomma, il difficile mestiere di vivere si colloca tra due alternative, perfettamente agli antipodi: la lotta e la fuga. E quando tutto manca, ridere può diventare l’unica vera e propria soluzione.
Anche di questo si parlerà con gli ospiti della kermesse: primo appuntamento con il filosofo Umberto Curi e il giornalista Marcello Veneziani, che indagheranno, con un approccio speculativo, eventuali strategie di sopravvivenza; sempre Curi incontrerà Enrico Ghezzi ritornando sulla storia tragicomica, sul palcoscenico e nella vita, degli eterni Stan Laurel e Oliver Hardy. D’altra parte, come diceva anche Kurt Vonnegut in Comica Finale, giustificando il titolo del libro del 1976 “è un grottesco, un brano di poesia situazionale: come le comiche cinematografiche, specie quelle di Stanlio e Ollio, di tanto tempo fa”.
Focus sul fumetto e l’arte dei ballons. Centro della riflessione filosofica di Luca Boschi e Giulio Giorello, Mickey Mouse e l’intero universo Disney. Un’analisi che a nostro parere si fa ancor più interessante se si pensa che ci troviamo nell’estate cruciale del passaggio di “Topolino” dalla divisione periodici della Disney all’azienda modenese Panini. La politica e il potere saranno al centro del dibattito tra Simone Regazzoni e Corrado Ocone, mentre Monia Andreani, filosofa, partirà dal famoso tv show Desperate Housewives per un racconto del mondo delle relazioni di coppia. Infine musica con Popsophia Production che copromuove Un soldino per il Juke – box, viaggio nelle hit estive degli anni ’60 ideato da Piero Cesanelli, patron di Musicultura.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.
  • C.H.

    Schifezza !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!