Lo Strillone: su Italia Oggi il progetto dimenticato di Lloyd Wright per l’Opera di Baghdad. E poi i disegni di Leonardo a Venezia, street-art e legalità a Lecco, Luca Beatrice “contro” John Lennon…

Porta la firma di Frank Lloyd Wright, ma non è mai stato portato a termine. È il Teatro dell’Opera di Baghdad: questo ed altri progetti per spazi culturali irrealizzati in mostra su Italia Oggi e alle saline reali d’Arc-et-Senans, vicino Besançon. Quotidiano Nazionale annuncia Monet a Pavia, Avvenire lancia il prossimo festival che a Lecco […]

Quotidiani
Quotidiani

Porta la firma di Frank Lloyd Wright, ma non è mai stato portato a termine. È il Teatro dell’Opera di Baghdad: questo ed altri progetti per spazi culturali irrealizzati in mostra su Italia Oggi e alle saline reali d’Arc-et-Senans, vicino Besançon. Quotidiano Nazionale annuncia Monet a Pavia, Avvenire lancia il prossimo festival che a Lecco unisce creatività e legalità, nel segno della street-art.

Napoli modello virtuoso: L’Unità racconta la bella storia della giovane cooperativa che, nel Rione Sanità, gestisce le visite turistiche alle catacombe di San Gaudioso.

Vabbè la figura dell’artista totale, ma non è che se ti chiami John Lennon allora vale tutto! Storce il naso Luca Beatrice, su Il Giornale, anticipando la mostra che a Modena porta le opere dell’ex Beatles. Niente da dire invece, e ci mancherebbe, sui cinquantadue disegni di Leonardo esposti a Venezia: un evento ampiamente documentato da Corriere della Sera e La Stampa.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.