Genetliaco warholiano per Andy Warhol. Per tutta la giornata del 6 agosto live webcam in HD dalla sua tomba: sarà possibile inviare fiori o barattoli di Campbell, e assistere in diretta alla consegna

Lui, verosimilmente, se la sarebbe immaginata proprio così: pop ed un bel po’ kitsch. E quindi Andy Warhol sarebbe entusiasta di una celebrazione del suo 85mo compleanno organizzata così: spettacolare, tecnologica e con un per niente sgradito contorno di business. Ed infatti è stato accontentato, complici del resto lo stesso Warhol Museum e la società […]

La tomba di Andy Warhol, a Pittsbourgh

Lui, verosimilmente, se la sarebbe immaginata proprio così: pop ed un bel po’ kitsch. E quindi Andy Warhol sarebbe entusiasta di una celebrazione del suo 85mo compleanno organizzata così: spettacolare, tecnologica e con un per niente sgradito contorno di business. Ed infatti è stato accontentato, complici del resto lo stesso Warhol Museum e la società EarthCam.
A partire dalla mezzanotte, per tutta la giornata del 6 agosto un collegamento multimediale interattivo con live webcam in HD trasporterà gli interessati al St. John the Baptist Byzantine Catholic Cemetery, per rendere omaggio al sepolcro dell’artista. In streaming sarà disponibile anche l’audio della chiesa dove il cattolicissimo Andy fu battezzato, e sarà possibile donare fiori e barattoli di Campbell Soup, seguendo la consegna live.
Alle 3 di pomeriggio, sempre del 6 agosto, la cerimonia avrà anche una finestra “terrestre”: ad omaggiare il re del pop ci saranno fra gli altri il fondatore di EarthCam, Brian Cury, Eric Shiner dell’Andy Warhol Museum e il nipote dell’artista Donald Warhola.

www.earthcam.com/warhol

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.