Art Digest: quei 50 milioni di favori del sindaco di New York. Damien, vieni con me alla National Portrait Gallery? 27mila pugni d’artista a Nelson Mandela

50 milioni di dollari, sulla fiducia. Il sindaco di New York Michael R. Bloomberg concede il più alto contributo culturale del suo bilancio a Culture Shed, un progetto che deve ancora nascere. Ma promosso da suoi “amici”… (nytimes.com) Damien Hirst entra alla National Portrait Gallery di Londra. Ma non come autore: bensì come soggetto di […]

Il ritratto di Damien Hirst by Jonathan Yeo (foto National Portrait Gallery)

50 milioni di dollari, sulla fiducia. Il sindaco di New York Michael R. Bloomberg concede il più alto contributo culturale del suo bilancio a Culture Shed, un progetto che deve ancora nascere. Ma promosso da suoi “amici”… (nytimes.com)

Damien Hirst entra alla National Portrait Gallery di Londra. Ma non come autore: bensì come soggetto di un ritratto dell’artista Jonathan Yeo, a cui il museo dedica una personale in autunno… (telegraph.co.uk)

Basta parlar bene di Bushwick, così ci rovinate. Jules de Balincourt guida la protesta degli artisti che da 10 anni hanno scelto il quartiere a nord di Brooklyn per vivere e lavorare: gli affitti sono quadruplicati… (wsj.com)

Nelson Mandela “preso a pugni” da un artista. Ma solo per fargli un ritratto: così il belga Phil Akashi l’ha realizzato, colpendo 27mila volte un muro con un guantone da boxe che imprimeva la scritta “libertà”… (lefigaro.fr)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.