Lo Strillone: cenare davanti alla Venere di Botticelli costa 10mila euro, su Il Fatto Quotidiano il tariffario per affittare a Firenze location di prestigio. E poi cinema in rivolta contro il taglio del tax credit, Thomas Bayrle a Napoli, James Turrell illumina il Guggenheim…

Volete portare fuori a cena la Venere di Botticelli? Diecimila euro! Tariffe da escort di lusso su Il Fatto Quotidiano: dopo l’affitto del Ponte Vecchio arriva, a Firenze, il prezzario per organizzare eventi in location storiche. Ed è, naturalmente, polemica. Nervi tesi anche nel mondo del cinema: il governo annuncia il taglio del tax credit, […]

Quotidiani
Quotidiani

Volete portare fuori a cena la Venere di Botticelli? Diecimila euro! Tariffe da escort di lusso su Il Fatto Quotidiano: dopo l’affitto del Ponte Vecchio arriva, a Firenze, il prezzario per organizzare eventi in location storiche. Ed è, naturalmente, polemica. Nervi tesi anche nel mondo del cinema: il governo annuncia il taglio del tax credit, su Quotidiano Nazionale si paventano agitazioni e proteste nei giorni della kermesse veneziana.

Anticipa di oltre due secoli quella che si pensava essere la più antica testimonianza scritta sulla città di Gerusalemme: straordinario rinvenimento archeologico su Corriere della Sera. Thomas Bayrle incanta Napoli su L’Unità, torna a Venezia Avvenire per approfondire i presupposti concettuali che portano alla nascita del Padiglione della Santa Sede alla Biennale.

Mostre varie dai settimanali: L’Espresso presenta Walter Chappell a Modena; Panorama è in Versilia per il duetto tra Italia e Francia che trova nella testata di Zidane – scolpita da Abdel Abdessemed – il suo pezzo forte. Il Venerdì si lascia illuminare da James Turrell al Guggenheim; Sette celebra Hermann Nitsch al Padiglione Cuba.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.