Lo Strillone: accordo bipartisan per Rivoli su La Repubblica, con il Castello assorbito dalla Fondazione Torino Musei diretta da Patrizia Asproni. E poi nuovi concetti di sostenibilità tra architettura e paesaggio, teatro in aree archeologiche in Calabria, i progetti di Accenture per sostenere la cultura…

E alla fine la faccenda di Rivoli la risolvono così: su La Repubblica Patrizia Asproni alla guida di una rinnovata Fondazione Torino Musei, che si prende in carico pure la gestione del Castello. Il mandato firmato, esempio di rara concordia istituzionale, dal presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e dal sindaco Piero Fassino. All’ombra della […]

Quotidiani
Quotidiani

E alla fine la faccenda di Rivoli la risolvono così: su La Repubblica Patrizia Asproni alla guida di una rinnovata Fondazione Torino Musei, che si prende in carico pure la gestione del Castello. Il mandato firmato, esempio di rara concordia istituzionale, dal presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e dal sindaco Piero Fassino. All’ombra della Mole, naturalmente, anche La Stampa: anticipazioni sul programma di Torino Spiritualità.

Una breve su Libero e un’altra su Corriere della Sera per il plauso di Massimo Bray ad ARS, programma con cui la Fondazione Accenture mette in palio un milione di euro e intende generare 7000 posti di lavoro nel comparto della cultura.

Il vero committente è il paesaggio: spunti per disegnare una nuova architettura sostenibile su Avvenire, che intercetta a proposito il geografo Franco Farinelli. Tredici siti archeologici calabresi aperti in nome di Giorgio Albertazzi, deus ex machina del Festival Magna Grecia: location suggestive su Quotidiano Nazionale per grandi classici del teatro.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.