Lo Strillone: su La Stampa il British Museum vieta l’arte erotica giapponese a i minori di sedici anni. E poi restaurato il Cimabue di Santa Croce, una giornata per Burri a Città di Castello, Araki in mostra a Firenze…

Niente sweet sixteen niente shunga! La Stampa a Londra per la scelta, da parte del British Museum, di vietare la prossima mostra sull’arte giapponese ai minori di sedici anni. Troppe opere a sfondo erotico, a partire da quell’orgia tra una donna e due piovre… Semaforo verde, invece, su La Repubblica: lo show-room Gucci a Firenze […]

Quotidiani
Quotidiani

Niente sweet sixteen niente shunga! La Stampa a Londra per la scelta, da parte del British Museum, di vietare la prossima mostra sull’arte giapponese ai minori di sedici anni. Troppe opere a sfondo erotico, a partire da quell’orgia tra una donna e due piovre… Semaforo verde, invece, su La Repubblica: lo show-room Gucci a Firenze ospita la prima italiana di Hirohiko Araki, maestro manga.

Data più che evocativa il 4 novembre. A mezzo secolo esatto dall’alluvione di Firenze il Crocifisso di Cimabue, simbolo del disastro e oggetto dello spettacolare restauro di Umberto Baldini, torna a casa: Quotidiano Nazionale festeggia la prossima ricollocazione della pala nella Sacrestia di Santa Croce. Corriere della Sera segnala la conferma di Carlo Arturo Quintavalle a presidente dell’Associazione Italiana Storici dell’Arte Medievale.

Appuntamento, domani, a Città di Castello. Avvenire lancia l’invito alla giornata di studi dedicata alla figura di Alberto Burri.

 – Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.